Bob Torrent: “lo streaming che non carica”

0
Bob Torrent Conferenza

Bob Torrent la web serie diretta da Maccio Capatonda

Il poliedrico Maccio Capatonda ci riprova con una web serie di 10 episodi, da 3 minuti circa l’uno, dal titolo Bob Torrent in esclusiva per Infinity (servizio streaming on-demand di Mediaset) – tutti online da venerdì.

Questo nuovo prodotto diretto e “Macciocapatondizzato” da Capatonda, al secolo Marcello Macchia, sarà meno “maccio-centrico”, ovvero nel corso della serie le sue apparizioni saranno davvero sporadiche in modo da diversificare il prodotto da quelli “soliti” a cui siamo abituati. Stando alle sue dichiarazioni infatti, questa scelta è per il volere preciso di curare quasi esclusivamente il lato tecnico del prodotto e lasciare più spazio al resto del cast artistico.

Bob Torrent narra le vicende dell’omonimo protagonista, personaggio megalomane e perfido. Produttore cinematografico fallito, Bob decide di vendicarsi diventando il re dei film pirata. Come? Producendo nei fatiscenti studios della Torrent Production film e serie tv di bassissima qualità che spaccia per grandi capolavori di Hollywood o serie tv cult, imbrogliando gli utenti del web.

Maccio Capatonda alla regia di Bob Torrent per Infinity

Seppur prenda spunti a piene mani da gag cult della comicità italiana anni ’80 collaudate [trite e ritrite potremmo dire ndr.], purtroppo Bob Torrent non convince appieno. Molte situazioni risultano banali e poco comiche, distanti anni luce dal politicamente scorretto che l’allegra banda di Capatonda ci ha abituato nel corso degli anni. Le note sicuramente positive, come ogni volta, sono i nomi dei fantomatici personaggi (es. Licio Chiss me,interpretato da Herbert Ballerina e la stagista Assunta May) e la Motion Graphic (grafica in movimento) attraverso la quale sono state ricreate situazioni comiche che si presentano spesso agli utenti soliti ad utilizzare servizi streaming pirata.

 

Beh, che dire... Amo le Serie tv, il Cinema e il Design... ah, anche mangiare, ma questo è un altro discorso. Scrivevo, scrivo e penso che continuerò comunque a farlo nonostante il tempo tiranno. Sono ovunque, in ogni sezione c'è del mio, come una pianta infestante in pratica. In passato, come molti colleghi presenti su dituttounpop, ho preso parte al progetto editoriale "Un anno con il Serial Club". Membro fondatore della #bandadellapellicola Non siate timidi e per comunicati, eventi, news scrivetemi! l.lemma@dituttounpop.it