Colony, la virata sci-fi di USA Network stenta a decollare

0
Recensione Colony 1x01

Colony 1×01 la recensione della novità sci-fi di USA Network con Josh Holloway

Ormai è consuetudine per i canali cable distribuire in anteprima le proprie serie tv online, soprattutto per provare a far crescere l’interesse verso le loro nuove produzioni. USA Network fa lo stesso con Colony, attesa al debutto “regolare” il prossimo 14 gennaio, ma con il pilot rilasciato in anteprima il 21 dicembre, a ridosso delle feste di Natale.

ColonyColony è indubbiamente una delle serie tv più attese del 2016, ma se le successive puntate si mantengono sulla falsa riga di quanto visto nel pilot, rimarranno attese vane. Creata da Carlton Cuse (Lost, Bates Motel, The Strain e adesso al lavoro sulla serie su Jack Ryan) e Ryan J Condal, Colony racconta di un futuro non molto lontano dal nostro in cui Los Angeles è occupata da una forza collaborazionista che lavora insieme a dei misteriosi invasori alieni che nessuno ha mai visto. La città è isolata dal resto del mondo da un muro che la circonda e da cui non si può uscire (emblematica in questo senso la scena in cui gli autisti di un camion proveniente da Los Angeles, vengono sostituiti da altri autisti provenienti da fuori).

Al centro delle vicende la classica e ormai obbligatoria famigliola, con due volti familiari al pubblico televisivo come Josh Holloway (Lost) e Sarah Wayne Callies (The Walking Dead) come protagonisti. E il pilot comincia catapultandoci nella vita di questa famiglia, con piccoli dettagli che ci fanno comprendere come non è il mondo così come lo conosciamo. Questo lento entrare nelle dinamiche dell’invasione è forse la parte più pregevole del pilot: l’invasione non ci viene mostrata, siamo già nel mondo cambiato e invaso. Tutto il resto risulta essere al di sotto delle aspettative, a partire dai due protagonisti che portati fuori da una struttura consolidata come Lost e The Walking Dead, dimostrano una staticità interpretativa a tratti disarmante.

E sono probabilmente i nomi coinvolti ad aver spinto la Universal a portare la serie su USA Network piuttosto che sulla più consona Syfy. Il canale sta lentamente mutando, passando dalle brormance, procedurali d’azione, leggeri e scanzonati con una coppia maschile come protagonista (White Collar, Graceland, Suits), a serie più complesse, strutturate come dimostrano con alterne fortune Satisfaction e soprattutto Mr Robot (serie fenomeno della scorsa stagione).

Il pilot di Colony mostra di avere tanto potenziale inespresso, tante storie da raccontare solo abbozzate nel pilot, di avere ottimi comprimari come Peter Jacobson che veste i panni complicati e non certo facili del governatore collaborazionista della città; ma anche di avere diversi difetti come tante scene che sembrano inserite più per mostrare che per raccontare. Visti i nomi coinvolti Colony resta in ogni caso un prodotto da tenere in considerazione nel 2016, ma non sembra avere le stesse potenzialità mostrate da Mr Robot.

Se Colony doveva essere la serie tv in grado di far fare alla Universal e a USA Network il definitivo salto di qualità, a mio modesto parere l’obiettivo non è stato centrato, risultando semplicemente una serie tv di Syfy con attori più famosi.

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it