Downton Abbey, il coraggio (necessario) di chiudere una serie tv

0
Downton Abbey

Downton Abbey chiude. Adesso è ufficiale la prossima sesta stagione sarà l’ultima. L’ultima in cui vedremo la famiglia Crawley e la loro servitù. E probabilmente è giusto così. La serie ITV (in onda in Italia su Rete 4 e in USA su PBS) andrà in onda con la sesta e ultima stagione il prossimo autunno.

[adsense]

La chiusura di Downton Abbey per quanto triste e sconvolgente possa essere per i fan di tutto il mondo è fondamentalmente giusta perchè è una decisione sia pratica che coerente con quanto fatto finora. Gli inglesi non sono facili lasciarsi trasportare da facili entusiasmi, la serie è divenuta un fenomeno pur andando in onda per poco più di 3 mesi l’anno (un pò come Sherlock con 3 giorni ogni due anni, ndr), a testimoniare che non è fondamentale la quantità ma la qualità.

Una ragione pratica perchè la maggior parte dei contratti dei membri del cast termineranno con la fine della sesta stagione e sono bene o male tutti pronti a proseguire con le loro vite. In fondo lo show è sopravvissuto alla morte di Matthew e Sybill ma non sarebbe sicuramente potuto continuare senza tutta la famiglia Crawley. In fondo anche Julian Fellowes da tempo sta lavorando a The Gilded Age un nuovo drama per la NBC che potrà essere sviluppato solamente quando Downton Abbey chiuderà la sua corsa. E chissà che la NBC Universal dove a sede la Carnival che produce la serie, non abbia in qualche modo premuto per chiudere un capitolo e aprirne uno nuovo, su un suo canale.

Come non citare infine Maggie Smith che qualche mese fa ha ricordato al Sunday Times che la sua vita nella serie deve necessariamente concludersi prima o poi “Avrò circa 110 anni al momento visto che stiamo verso la fine degli anni 20“.

Considerando tutto questo annunciare la chiusura di Downton Abbey è un’ottima decisione. Non è ancora chiaro se la serie si concluderà con lo speciale natalizio del 2015 o se l’ultima puntata sarà inserita nel normale ciclo di episodi. Ci auguriamo che sempre più autori, produttori, network prendano decisioni come questa: stabilire in anticipo il futuro di una serie tv, mettere un punto finchè il declino non è ancora sopraggiunto, deve far contenti anche noi spettatori.

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it