Empire: i produttori parlano della seconda stagione e degli elementi chiave del suo successo

0
Empire

Quale giorno migliore per parlare di Empire, se non oggi. I produttori e creatori della serie hanno parlato della seconda stagione del fenomeno della scorsa stagione televisiva, forti del premio ricevuto da Taraji P. Henson ai Critics Choice Awards di ieri (qui tutti i vincitori), come migliore attrice in una serie drama.

Danny Strong, co-creatore di Empire, a THR parla intanto del ruolo di Chris Rock, una delle guest-star annunciate per la prossima stagione (qui le altre annunciate fino ad oggi), rivelando che interpreterà “qualcuno del loro passato.” Visto il finale della prima stagione, nella seconda ci sarà un nuovo Lyon a capo dell’azienda: “sarà un leader molto forte,” dichiara Jussie Smollett, riferendosi al suo personaggio, Jamal. “Guiderà l’azienda con il suo cuore, e in alcune occasioni questa cosa lo metterà in pericolo.

[adsense]

La showrunner della serie, Ilene Chaiken dichiara: “se la prima stagione si è concentrata su chi fosse l’erede al trono, la seconda vedrà dei regni in guerra.” Per quanto riguarda Cookie invece: “Tornerà ad essere la donna che ha dato vita all’impero,” dichiara la Henson. “E’ stata messa da parte per 17 anni, adesso che è tornata avrete modo di vedere la Cookie che ha creato Empire a partire dal nulla. Il suo obiettivo, nella prossima stagione, sarà: cosa sono in grado di realizzare prima che Lucious esca di prigione? Perchè sa che non resterà lì a lungo.

Per quanto riguarda Andre, Beyers dichiara: “Sta cercando qualcosa di diverso con la sua ritrovata spiritualità e grazie al bambino in arrivo, quindi posso dire che tutto ciò avrà un ruolo importante nel modo in cui si occuperà della sua famiglia.

Inoltre ad una conferenza tenutasi a Los Angeles proprio ieri, i produttori di Empire, Dany Strong, Brian Grazer e Lee Daniels e la showrunner Ilene Chaiken hanno parlato del successo della serie, e dell’impatto sociale delle loro storie. Quando si tratta di problemi sociali come l’omofobia, i creatori della serie non hanno paura di sfidare le regole: “noi non seguiamo nessuno, siamo quelli che i trend li creano,” dichiara Lee Daniels. Secondo Daniels è importante usare questo mezzo per “dare voce a chi non ha una voce.“I produttori devono dire grazie a FOX che ha creduto nel progetto e che è stata disponibile ad investire: “hanno creato su una campagna di marketing che ha dato importanza al progetto,” dichiara Grazer. Un altro fattore chiave del successo di Empire sono stati i social network, secondo la Chaiken: “I social sono l’elemento cruciale per il successo in tv.” Soprattutto perchè la gente vuole parlare della serie, e i social sono il luogo più adatto per farlo, secondo Grazer.

La seconda stagione di Empire partirà il 23 settembre, per 18 episodi divisi in due metà, su FOX.

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it