Fargo Seconda stagione su Sky Atlantic dal 22 dicembre

0
Fargo seconda stagione

Fargo seconda stagione: doppio episodio in prima tv su Sky Atlantic da martedì 22 dicembre

Dopo 3 Emmy e 2 Golden Globe conquistati con la prima stagione, arriva su Sky Atlantic il secondo capitolo di Fargo, noir ironico e sarcastico che rivoluziona il cast della prima stagione in una formula antologica che permette maggiore libertà. Fargo è già stata rinnovata per una terza stagione che, a quanto pare, non vedremo prima del 2017.

Su Sky Atlantic HD Fargo debutta con un doppio episodio il 22 dicembre, per poi andare in onda dal martedì successivo con un episodio a settimana, sempre disponibile anche su Sky On Demand. Ispirata all’omonimo film dei fratelli Coen, pur essendo una serie antologica, questa seconda stagione può essere considerata un prequel della prima, con la presenza di Patrick Wilson già protagonista nella prima stagione, nel ruolo di Lou Solverson, padre dell’agente di polizia Molly (Allison Tolman), ed incentrata sull’incidente di Sioux Falls, evento citato in diversi episodi della prima stagione.

Nuovi episodi, un nuovo grande cast, nuovi personaggi e una nuova ambientazione: è il 1979, Ronald Reagan stava per essere eletto Presidente degli Stati Uniti, nella città di Luverne in Minnesota domina la famiglia mafiosa dei Gerhardt, il cui boss, colpito da un ictus, è costretto a lasciare la guida degli affari alla moglie Floyd (Jean Smart) mentre il figlio minore Rye (Kieran Culkin), cercando di raccogliere approvazioni nella famiglia, rimane coinvolto in un maldestro tentativo di estorsione. A causa di un incidente vengono coinvolti nelle intricate vicende mafiose anche i coniugi Peggy Blomquist (Kirsten Dunst) e Ed (Jesse Plemons). Ad indagare sugli avvenimenti sono il giovane agente della polizia di stato Lou Solverson (Patrick Wilson) e lo sceriffo Hank Larsson (Ted Danson), mentre la mafia di Kansas City preme per espandersi nella zona acquisendo le attività dei Gerhardt.

Di notevole rilevanza nella serie sono i due personaggi femminili, Peggy e Floyd, interpretati rispettivamente da Kirsten Dunst e Jean Smart. Le loro vicende riportano al centro il tema delle rivendicazioni femminili, il desiderio di parità dei diritti, che furono una delle più grandi trasformazioni culturali di quel periodo. Due donne, due diversi percorsi di vita: la tranquilla quotidianità di Peggy Blomquist e del marito Ed viene sconvolta da un incidente, che in qualche modo li legherà fino all’ultima puntata ad un piano criminale che provocherà non pochi danni collaterali; Floyd, invece, sente sulle spalle il peso di portare avanti e prendere le redini degli affari di famiglia e per questo viene ostacolata dal figlio più grande Dodd, che vuole assumere il pieno potere.

Un noir ironico, sarcastico e leggero e mai banale, che non teme il confronto con la stagione precedente – mentre una terza è già stata confermata. Un successo televisivo strepitoso che lo sceneggiatore, il geniale Noah Hawley ha così commentato alla sua maniera ironica: “La prima ‘idea stupida’ è stata prendere un classico tanto amato e trasformarlo in una serie tv. La seconda ‘idea stupida’, dopo aver visto che l’idea funzionava, è stato quella di buttare tutto e ricominciare da capo”.

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it