I Chemical Brothers portano un evento multi-sensoriale al Market Sound

0
The Chemical Brothers live al Market Sound

I Chemical Brothers tra grandi classici e brani dell’ultimo album portano un evento multi-sensoriale imperdibile al Market Sound

L’attesa dietro questo evento era altissima. Da più di una settimana non si parlava d’altro, persino quasi tutte le liste accrediti erano chiuse da tempo per via dell’enorme numero delle richieste, e comunque molto ristrette.

I Chemical Brothers, preceduti dai Sigma e seguiti da Gramatik, tra giochi di luci, led wall, e fumo artificiale hanno fatto saltare, ballare e divertire migliaia di persone al Market Sound di Milano, per la prima tappa italiana [delle due] del loro tour. I pionieri del big beat hanno accesso i motori con l’evergreen Hey Boy Hey Girl, hit targata 1999 e sicuramente la più identificativa del duo britannico. L’entusiasmo del pubblico cresceva con il salire del ritmo dei sintetizzatori e dei laser create con la collaborazione del visual artist Adam Smith.

Un concerto strutturato fondamentalmente sull’impatto visivo dettato dal visual (led wall e laser per l’appunto) quello messo in scena all’ex Mercato Generale, devo anche gli stessi Ed Simmons e Tom Rowlands erano solo un contorno al grande evento, rimanendo per tutta la durata della performance avvolti nella nube del fumo artificiale rendendoli invisibili agli occhi del pubblico sempre più entusiasta.

A ogni brano i led wall alle spalle dei due artisti accompagnavano l’eterogeneo pubblico in una serie di visioni psichedeliche, differenti di volta in volta.

credit: Andrea Raffani Elephant Studio

Tra i grandi classici come Block Rockin’ Beats, Do It Again, Galvanize [quest’ultima eseguita verso la fine ma attesa per tutta la durata dell’esibizione] e i brani del nuovo album uscito la scorsa estate Born in the echoes – come Sometimes i feel so desert, Under neon lights, EML Ritual, Taste of Honey, Wide open, Go e I’ll See You There, i Chemical Brothers hanno confermato quello che ormai tutti noi sappiamo da tempo; sanno perfettamente come creare un evento indimenticabile – perchè sì, più che un concerto è stato un vero e proprio evento multi-sensoriale!

Beh, che dire... Amo le Serie tv, il Cinema e il Design... ah, anche mangiare, ma questo è un altro discorso. Scrivevo, scrivo e penso che continuerò comunque a farlo nonostante il tempo tiranno. Sono ovunque, in ogni sezione c'è del mio, come una pianta infestante in pratica. In passato, come molti colleghi presenti su dituttounpop, ho preso parte al progetto editoriale "Un anno con il Serial Club". Membro fondatore della #bandadellapellicola Non siate timidi e per comunicati, eventi, news scrivetemi! l.lemma@dituttounpop.it