In Treatment nuove sedute per Sergio Castellitto su Sky Atlantic e Sky Cinema Cult

0
in treatment

In Treatment da lunedì 23 novembre riapre lo studio di Sky

Arriva la seconda stagione di In Treatment con 35 nuovi episodi, nuovi appuntamenti con le sedute dello psicanalista interpretato da Sergio Castellitto. Doppio appuntamento quotidiano alle 19:40 e alle 23:10 su Sky Atlantic, alle 20:30 su Sky Cinema Cult, inoltre solo su Sky On Demand ogni lunedì tutte le puntate della settimana saranno disponibili in esclusiva e in anteprima.

Accolta con entusiasmo da pubblico e critica, che ne ha esaltato il carattere estremamente innovativo e al tempo stesso di una elegante essenzialità, Sergio Castellitto torna nella veste del Dottor Mari per un nuovo viaggio nell’inconscio di nuovi e vecchi pazienti.

Ad un cast già di spessore composto, oltre allo stesso Sergio Castellitto, da Barbora Bobulova, Adriano Giannini,  Licia Maglietta si aggiungono da quest’anno Michele Placido, Maya Sansa, Greta Scarano, Isabella Ferrari, Alba Rohrwacher e, per la prima volta sullo schermo, il giovanissimo Francesco De Miranda. Il meglio del cinema italiano in una serie tv capace di  scardinare il tradizionale linguaggio televisivo della fiction, per l’argomento trattato  e per la struttura narrativa. I personaggi si presentano allo spettatore con il loro carico di umanissimi conflitti, tormenti, passioni, attraverso una narrazione cadenzata dalla programmazione quotidiana degli episodi, come quotidiani sono gli incontri dell’analista con i suoi cinque pazienti, fino alla seduta del venerdì in cui è lo stesso Dottor Mari ad incontrare la propria analista.

Sia il progetto italiano che l’omonima serie di culto americana firmata HBO si ispirano al format israeliano Be Tipul, ideato dal regista e sceneggiatore Hagai Levi, di cui sono stati realizzati adattamenti per 13 paesi. Lo stesso Hagai Levi ha particolarmente apprezzato l’adattamento italiano della serie – prodotta da Sky e realizzata da Wildside – considerandola il migliore tra tutti quelli sviluppati a livello internazionale.

In Treatment seconda stagione – La Trama

Giovanni Mari (Sergio Castellitto), il riconfermato protagonista della seconda stagione di In Treatment, non è solo uno psicoterapeuta, ma è soprattutto un uomo, soggetto alle tempeste della vita, dalle quali non sempre si riesce a uscire indenni. Giovanni dovrà infatti affrontare il dolore di una separazione, l’allontanamento dai figli e l’inevitabile cambiamento che il fallimento di un matrimonio porta con sé.

A riempire il suo tempo e lo spazio della nuova casa, dove adesso abita da solo, ci sono dei nuovi pazienti. Li riceve in salotto, forse per tentare di attutire l’insopportabile silenzio della sua solitudine. A pesare sull’animo di Giovanni anche l’accusa del padre di Dario (Guido Caprino), suo ex paziente, di essere responsabile del suicidio del figlio. Giovanni sarà costretto ad affrontare un processo e la ricerca di un avvocato che possa difenderlo, gli permetterà di rincontrare dopo anni Irene (Maya Sansa), un avvocato quarantenne un po’ nevrotica, anche lei sua ex paziente, decisa a ricominciare la terapia.

Tra i nuovi casi del Dottor Mari, Elisa (Greta Scarano), una giovane studentessa di architettura, affetta da un cancro e decisa a non sottoporsi alla chemioterapia, sua unica possibilità di salvezza. Ritroviamo poi Lea (Barbora Bobulova) e Pietro (Adriano Giannini), anche loro in procinto di separarsi, alle prese con il figlio Mattia (Francesco De Miranda) ragazzo troppo sensibile che sfoga il suo malessere sul cibo. Infine Guido (Michele Placido), amministratore delegato di un’importante azienda, soffre di continui attacchi di panico causati da una profonda crisi personale in cui trascina anche il legame con la figlia Lavinia (Alba Rohrwacher).

Sarà ancora una volta Giovanni ad accompagnare i suoi pazienti nell’esplorazione di se stessi, aiutato anche dall’amica Anna (Licia Maglietta) e dall’incontro con Mara (Isabella Ferrari), sua fidanzata ai tempi del liceo. Grazie a lei, nella sua memoria Giovanni riuscirà a ritrovare quegli antichi e preziosi ricordi che  gli permetteranno di donare un nuovo senso alla sua vita.

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it