La bussola del cinema: arriva il portale web che guida chi vuole fare cinema in Italia

0
bussola del cinema

È online dal 9 giugno 2015 il portale La Bussola del Cinema (www.bussoladelcinema.com), progetto ideato dalla Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT), in collaborazione con l’Associazione Italian Film Commissions e la Fondazione Ente dello Spettacolo.

A presentarlo Nicola Borrelli, Direttore Generale Cinema – MiBACT, la Dirigente Maria Giuseppina Troccoli, della DG Cinema – MiBACT, Stefania Ippoliti, Presidente Italian Film Commissions, e Antonio Urrata, Direttore Generale Fondazione Ente dello Spettacolo.

La Bussola del Cinema è un portale agile e funzionale per aiutare produttori italiani ma soprattutto stranieri che desiderano realizzare film, fiction, documentari, web-series o altri prodotti audiovisivi nel nostro Paese. Il sito, interamente fruibile in lingua italiana e inglese e con un messaggio di benvenuto in dieci lingue, si propone come una guida completa a servizi e strumenti di sostegno pubblico offerti dallo Stato italiano e dalle Regioni per la produzione cinematografica e audiovisiva.

bussola del cinema

Il progetto è aperto, sia nel senso che si prevede di integrare nuove lingue di fruibilità del sito e nuove funzionalità dello stesso, spesso su consigli derivanti dagli stessi fruitori della piattaforma. Aperto a chiunque voglia far conoscere i propri strumenti di cinema, come le poche Film Commissions locali non ancora coinvolte. Il sito è semplice, intuitivo e vuole essere utile a tutti, una vera e propria “guida di navigazione” nel mare magnum del cinema nostrano, o meglio nelle sue opportunità, soprattutto territoriali oltre che economiche. Lo dimostra il fatto che il progetto è stato segnalato alle Camere di Commercio italiane ed estere, affinché se ne interessino, e verrà presentato ai principali Festival di settore internazionali. Un progetto che nasce, quindi, ma che vuole soprattutto crescere.

Cuore della piattaforma web è il motore di ricerca che permette di individuare i fondi pubblici a disposizione per la produzione. Ogni fondo è presentato con una scheda tecnica dove vengono indicati in maniera chiara e sintetica i principali dati utili ai produttori, compresi i riferimenti per contattare direttamente l’ente competente. Sono inoltre riportate le schede profilo della Direzione Generale Cinema e delle Film Commission dove è possibile reperire contatti, referenti e informazioni per gli addetti ai lavori, insieme a una breve presentazione dell’ente anche attraverso una gallery di luoghi, monumenti e panorami accuratamente selezionati.

Il sito prevede inoltre una sezione Bussola News, caratterizzata da tre aree, Bussola News, Rassegna Bussola e Avvisi ai naviganti, che contengono notizie su mercato e industria articoli dalle principali testate italiane e internazionali e “alert” sui fondi appena pubblicati, in scadenza o appena scaduti. L’alert verrà fornito in tempo utile per informare della scadenza, con una newsletter o uno strumento simile, immaginando un tempestivo avviso delle Film Commissions, essendo nel loro stesso interesse adoperarsi.

La sezione Gallery ospiterà una selezione di filmati e immagini sulle luoghi dove sono stati realizzati film di successo e i set dei film in corso di lavorazione oltre a trailer, backstage, ecc. È in sviluppo anche un database per le Location che disporrà di un altro motore di ricerca dedicato interamente all’individuazione di panorami, monumenti, set naturali del patrimonio italiano. La sezione Location offrirà all’utente una mappa interattiva che potrà essere consultata non solo dagli addetti ai lavori ma anche da chi vuole esplorare il territorio italiano. Un’opportunità dunque per valorizzare maggiormente siti noti o meno conosciuti del nostro Paese.

“Il portale Bussola del Cinema – dichiara il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini – fornisce alle imprese cinematografiche italiane e straniere tutti gli strumenti per orientarsi tra le diverse opportunità di finanziamento pubblico e al contempo offre un’ampia scelta di location per le grandi produzioni internazionali che stanno tornando a girare nel nostro Paese. Uno strumento efficace e innovativo che si arricchirà sempre più e che potrà accompagnare la ripartenza di un comparto strategico dell’industria culturale nazionale, portando sviluppo nei territori.”