Manhattan, su Sky Atlantic HD la storia della nascita della bomba atomica

0
manhattan su sky atlantic

Manhattan su Sky Atlantic HD da lunedì 28 dicembre

Arriva su Sky Atlantic HD Manhattan, la serie tv che tra elementi tratti dal reale e personaggi di finzione, racconta la storia e gli uomini dietro il “progetto Manhattan” che portò allo sviluppo della bomba atomica. Come ricorda la serie tv, gli eventi raccontati si svolgono 766 giorni prima di Hiroshima.

Manhattan-3_595_slogoManhattan va in onda su Sky Atlantic HD a partire da questa sera alle 22:10 (dopo il magnifico finale di stagione di The Knick), in contemporanea anche sul sito internet e su Sky On Demand (dove è già disponibile nella sezione “Primissime” per i clienti più fedeli). Dalla settimana successiva andrà in onda al ritmo di due episodi a settimana, con un totale di 13 episodi. Manhattan è già stata rinnovata per una seconda stagione da 10 episodi interamente già trasmessa dal canale di appartenenza WGN America.

Manhattan è firmata dai produttori di Mad Men (Lionsgate) e scritta da Sam Shaw (Masters of Sex), racconta la vita e il lavoro degli scienziati coinvolti nel progetto Manhattan, piano che vide nel 1943, durante la Seconda Guerra Mondiale, il governo degli Stati Uniti finanziare una operazione segreta mirata alla produzione della prima bomba atomica. Isolati dal mondo esterno il team di esperti vissero con le loro famiglie nella base super segreta costruita a Los Alamos in New Mexico, in pieno deserto, dove avevano la libertà di portare avanti i loro esperimenti lontani da occhi indiscreti.

La cattività, lo spazio ristretto e un progetto così affascinante, non potevano che essere ottimo materiale per una serie tv che mescola personaggi reali come J. Robert Oppenheimer (interpretato da Daniel London), al protagonista il dottor Frank Winter (John Benjamin Hickey), leader del gruppo che studiava il processo di implosione. Insieme a lui la moglie Liza (Olivia Williams), donna forte e indipendente che vive con sofferenza i segreti e i misteri dietro il lavoro del marito. Nel cast anche Rachel Brosnahan (vista anche in House of Cards), Ashley Zukerman e Michael Chernus (visto in Orange is the New Black).

La guerra resta sullo sfondo in Manhattan e a tratti anche l’esperimento che dal titolo alla serie (e al progetto) rischia di restare fin troppo sullo sfondo, con l’azione più concentrata sulla vita e sulle emozioni dei suoi protagonisti che sulla vicenda storica. Pur ricordando le atmosfere di Mad Men per questa sua capacità di raccontare le emozioni dei protagonisti e di Masters of Sex per il suo riferimento a un progetto realmente esistito, Manhattan non riesce a esprimere tutto il suo potenziale. A tratti, specialmente nelle puntate centrali, il suo lento indugiare risulta ridondante e il focus centrale delle vicende rischia di perdersi.

Secondo progetto originale di WGN America, Manhattan è l’eblema del nuovo corso seriale di questi ultimi anni: un eccessivo proliferare di prodotti simili per atmosfere, per il loro concentrarsi sui personaggi più che sulla trama, che non avrebbero visto la luce senza l’aumento dei canali di trasmissione disponibili. Nonostante questo Manhattan è un buon prodotto, accurato e ben fatto, un compito ben eseguito che merita (e meritava) un approdo italiano.

Manhattan va in onda da questa sera alle 22.10 (con un solo episodio) e dal lunedì successivo alle 21:10 con un doppio episodio su Sky Atlantic HD

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it