Morgan contro X Factor: “Il talent show è la tomba della creatività….non mi hanno pagato”. Sky risponde.

0

Morgan contro X Factor: “Il talent show, ma soprattutto X Factor, è la tomba della creatività…..non mi hanno pagato”. La risposta di Sky e di Fremantlemedia Italia è arrivata subito: “La quota di spettanza dell’artista è stata invece sottoposta a pignoramento da parte di Equitalia”

La nona edizione di X Factor è stata appena presentata, in un clima pacifico e senza tensioni, come lo stesso Mika ha sottolineato durante la conferenza stampa, che le polemiche, forse anche sterili e infondate, sono arrivate.

Morgan, dopo aver seminato il “terrore” durante l’ottava edizione, tanto da rendere il clima teso e non più gioioso, non è stata riconfermato per la prossima edizione e il cantante oggi, in occasione della conferenza stampa per la presentazione del Brianza Rock Festival a Milano, si è sfogato, lanciando dichiarazioni alquanto pesanti contro la trasmissione che, fino allo scorso anno, lo venerava:

“Il talent show, ma soprattutto X Factor, è la tomba della creatività. “Mi piacerebbe che i titoli fossero: ‘X Factor non ha pagato Morgan’….“Chiunque ha talento non faccia un talent show”

I giornalisti presenti, subito dopo l’evento hanno approfittato della situazione e lo stesso ha aggiunto davanti alle telecamere dei cronisti che il talent show “è uno stratagemma per far firmare un contratto discografico a tutti quelli che si iscrivono…..Sappiate ragazzche quando vi iscrivete anche solo per la prima audizione voi avete già firmato un contratto discografico, voi siete legati mani e piedi per sempre a una casa discografica che non vi farà avere successo”.

Ovviamente ci troviamo davanti al classico esempio di chi sputa nel piatto in cui ha mangiato per anni.

La risposta di Sky e di Fremantlemedia Italia è arrivata subito attraverso un comunicato stampa:

In riferimento a quanto pubblicamente dichiarato in data odierna da Marco Castoldi in arte Morgan, come riportato dall’agenzia ANSA, Fremantlemedia Italia e Sky precisano che: 

Fremantlemedia e Sky hanno sottoscritto nel 2014 con l’artista e con la società che ne gestisce i diritti d’immagine (Edizioni Però srl) diversi contratti per la partecipazione di Morgan in qualità di giudice all’ottava edizione di X Factor Italia, accordi che prevedevano un compenso complessivo molto generoso, ben al di sopra degli standard di mercato. 

Sia Sky, sia Fremantlemedia hanno interamente liquidato la quota di spettanza della società Edizioni Però. 

La quota di spettanza dell’artista è stata invece sottoposta a pignoramento da parte di Equitalia Nord Spa, per il soddisfacimento di un credito di oltre 300.000 euro vantato dalla società di riscossione nei confronti dell’artista. Sia Fremantlemedia sia Sky, avendo ricevuto intimazione da parte di Equitalia Nord, hanno quindi provveduto e provvederanno a versare quanto dovuto alla suddetta società, estinguendo così ogni debito nei confronti di Morgan. 

Nel contratto stipulato dall’artista con Fremantlemedia era inoltre presente una clausola che prevedeva, in aggiunta al compenso di cui sopra, un “bonus” legato al pieno e scrupoloso rispetto dei suoi impegni con la produzione. Il bonus non è stato corrisposto perché Morgan ha tenuto più volte pubblicamente una condotta incompatibile con i principi basilari di professionismo (disertando, ad esempio, un’intera giornata di registrazione del cosiddetto “Bootcamp”, che è andata in onda con soli tre giudici presenti, e lasciando in diretta una delle puntate della fase Live di X Factor), nonché adottando dei comportamenti incresciosi anche dietro le quinte. 

Le dichiarazioni di Morgan nei termini riportati dalla stampa appaiono del tutto prive di fondamento e diffamatorie. Ciò sorprende e amareggia una volta di più un gruppo di lavoro che negli anni ha fatto tutto il possibile per aiutare e supportare l’artista nella propria complicata vicenda umana e professionale, andando molto al di là di quanto normalmente avviene nei rapporti tra emittente, produttori e artisti, con pazienza infinita. Almeno fino ad oggi.

Classe 1983. Nonostante gli studi prettamente scientifici, Liceo Scientifico prima e Facoltà di Ingegneria dopo, ho continuato a coltivare quelle che sono le mie vere passioni, facendo emergere, tra le altre cose, un lato artistico. Le mie giornate durano in media 19 ore, escludendo le ore di sonno. Appassionato di tv (talent e reality in primis), serie tv e teatro, ho collaborato con diversi blog televisivi: InsideTv, Magazinet e Teleblog, pubblicando il Volume #0 di "UN ANNO CON IL SERIAL CLUB".