News Serie TV: Jon Seda da Chicago PD a Chicago Justice, Felicity Huffman in una comedy ABC e altri casting

0
CHICAGO P.D. -- "Justice" Episode 321 -- Pictured: Jon Seda as Detective Antonio Dawson -- (Photo by: Matt Dinerstein/NBC)

News Serie TV: Jon Seda da Chicago PD a Chicago Justice, Felicity Huffman in una comedy ABC dai creatori di Black-ish

Un membro della squadra di Chicago P.D. si trasferirà non molto lontano, ovvero nello spin-off Chicago Justice. Come riporta Deadline, infatti, Jon Seda, interprete del detective Antonio Dawson, sarà tra i membri regolari dello spin-off legale di Dick Wolf ordinato da NBC e atteso per la midseason.

Il detective Dawson arriverà nell’ufficio del procuratore distrettuale come un investigatore, partner di Lori Nagle (Joelle Carter), presentata nel backdoor pilot. Di conseguenza, l’investigatore Daren Okada (Ryan-James Hatanaka) non sarà più parte di Chicago Justice. tNon è ancora chiaro esattamente quando Seda lascerà Chicago P.D., dove per ora continuerà a essere regolare e ad avere una storia d’amore crossover con il paramedico di Chicago Fire Sylvie Brett (Kara Killmer).

Il cast di Chicago Justice è formato anche da Philip Winchester (Strike Back), Carl Weathers (Colony) e Monica Barbaro (UnREAL), mentre il veterano di Law & Order Michael S. Chernuchin sarà lo showrunner. Nazneen Contractor, vista nel backdoor pilot, non sarà più parte dello show.

L’ex Desperate Housewife Felicity Huffman non sembra contenta di essere nel cast di una sola serie ABC. Ecco che quindi l’attrice dell’apprezzatissimo dalla critica American Crime è stata ingaggiata per essere protagonista di family comedy politica ancora senza titolo actress dal creatore di Black-ish Kenya Barris e dal co-produttore esecutivo Vijal Patel.

Come riporta Deadline, infatti, la potenziale comedy esplora come oggi la “politica delle divisioni” si rapporti in una coppia di sapientoni agli antipodi che è di fatto anche una coppia nella vita (come James Carville e Mary Matalin). Rivali nel proprio show Black & Wright — uno è nero, l’altro bianco; uno di sinistra, l’altro di destra — la coppia (Huffman sarà la moglie) deve imparare a trovare un compromesso tra le mura domestiche quando si tratta di crescere i propri figli.

Se il progetto dovesse ricevere un ordine, non interferirà con un’ipotetica stagione 4 di American Crime (la terza è attesa per la midseason).

News Serie TV Netflix: Molly Parker da House of Cards al remake di Lost in Space, Anthony Ramos in She’s Gotta Have It di Spike Lee

Nel remake di Lost in Space – Perduti nello Spazio è arrivata Mrs. Robinson!

Molly Parker (Deadwood, House of Cards) resterà “a casa” entrando nel cast del remake di Netflix della serie tv anni ’60 nei panni della matriarca Maureen Robinson. Come riporta TVLine, l’attrice si aggiunge a Toby Stephens (Black Sails) e Taylor Russell (Falling Skies) nei panni del marito John e della figlia maggiore Judy.

Il ruolo di Maureen era originariamente interpretato da June Lockhart nella serie anni ’60 e da Mimi Rogers nel film del 1998. Parker sarà prossimamente anche nel drama di Amazon Goliath.

Il family drama/sci-fi adventure in 10 episodi per Netflix, ordinato a Giugno e il cui rilascio è previsto non prima del 2018, è prodotto da Legendary TV. La nuova versione sarà simile all’originale e racconterà della famiglia Robinson sperduta a anni luce dalla sua destinazione, mentre si ritroverà su un nuovo pianeta alieno molto strano, sul quale dovrà adattarsi e combattere anche i propri problemi. La serie è stata scritta da Matt Sazama e Burk Sharpless (Dracula Untold, Last Witch Hunter), che produrrà insieme a Zack Estrin(The River, Prison Break), che sarà lo showrunner.

Anthony Ramos (l’acclamato spettacolo di Broadway Hamilton) è stato ingaggiato nel frattempo come nuovo interprete di Mars Blackmon, nella comedy di Spike Lee per Netflix She’s Gotta Have It, un remake contemporaneo dell’omonimo film di debutto (in Italia Lola Darling) del regista nel 1985.

Come riporta Deadline, infatti, il telefilm si incentrerà su Nola Darling, un’artista di Brooklyn quasi trentenne che cerca di definire se stessa e dividersi fra amici, lavoro e tre amanti: il modello acculturato, Greer Childs; il protettivo investitore bancario, Jamie Overstreet; e lo sneakerhead Mars Blackmon (che nel film era interpretato dallo stesso Spike Lee).

Lee dirigerà tutti e dieci gli episodi di mezz’ora ordinati e sarà produttore esecutivo della serie assieme alla moglie Tonya Lewis Lee.

Gli altri Casting di Serie TV della giornata:

  • Il cantante Wyclef Jean sarà guest star in un episodio di Law & Order: SVU nei panni di un produttore musicale, un pezzo grosso la cui più recente e più sexy cliente è coinvolta in un caso di aggressione, come riporta TVLine.
  • Brooke Shields sarà nuovamente Rita Glossner, la vicina di casa sboccata e nemesi di Frankie (Patricia Heaton) in un imminente episodio dell’ottava stagione di The Middle, quando le due condivideranno un road trip inaspettato. Sarà la quinta volta nella family comedy di ABC per Shields, come riporta in esclusiva EW.
  • Garret Dillahunt (Raising Hope, The Mindy Project) sarà il protagonista del drama post Guerra Civile scritto e diretto da Rod Lurie Monsters of God per TNT, prodotto da Brad Pitt. Il progetto riunisce l’attore con la casa di produzione dove hanno lavoro nel film vincitore dell’Oscar 12 Anni Schiavo. Crudeltà e violenza sono le due caratteristiche principali del personaggio di Dillahunt, il Colonnello Bill Lancaster, soprannominato “Terribile”, a capo della base militare texana di Fort Thayer, deciso a portare avanti la propria guerra santa sterminando ogni singolo membro delle tribù Comanche nella cittadina di Slater, nonostante queste vivano pacificamente con i residenti. Lurie sarà tra i produttori esecutivi assieme al suo partner della Battle Plan Productions Marc Frydman, e quelli della Plan B DeDe Gardner, Jeremy Kleiner e Sarah Esberg.
  • Aden Young (Rectify) ha lasciato il ruolo di protagonista nel pilot del drama di USA Network Damnation, pochi giorni prima dell’inizio delle riprese, a causa di differenze creative, come ha riportato Deadline. E’ in corso un re-casting per il ruolo. Scritto e diretto da Tony Tost (Longmire), il drama ambientato negli anni ’30 che segue un uomo che finge di essere un predicatore per generare una rivolta in un paesino dell’Iowa. Young sarebbe dovuto essere il suddetto predicatore, Seth Davenport, dal passato violento e con la segretera ambizione di guidare una rivoluzione contro gli industriali d’America, mentre Marshall-Green sarà il crumiro Creeley Turner, un incallito mercenario mandato a fermare la rivolta. Il cast include Sarah Jones (The Path, Vegas) nei panni di Amelia, la finta e ambiziosa moglie di Seth, Chasten Harmon (BrainDead) in quelli della prostituta Bessie Louvin, Christopher Heyerdahl (Van Helsing) in quelli dello sceriffo della contea Don Berryman e Melinda Page Hamilton (Mad Men) nella crumira in cerca di vendetta Connie Nunn. Damnation avrà tra i produttori esecutivi, oltre a Tost, James Mangold (Zoo), Guymon Casady (Game of Thrones) e Daniel Rappaport (Fastlane).
  • Ron Livingston (The Conjuring, Band of Brothers and Boardwalk Empire) torna alle comedy dopo il suo storico ruolo in Sex and the City come protagonista nella serie tv di AT&T Audience Network Loudermilk creata da Peter Farrelly (Tutti pazzi per Mary) e dall’ex autore del Colbert Report Bobby Mort. I 10 episodi di mezz’ora della comedy racconteranno di Dave Loudermilk (Livingston), un consigliere in cura per abuso di sostante e alcool con un carattere davvero pessimo, senza auto-censure e che odia il mondo intero, anche chi ancora non conosce. Farrelly e Mort saranno showrunner e produttori esecutivi mentre le riprese inizieranno il prossimo mese a Vancouver.
  • Amanda Brugel (Room) sarà ricorrente accanto a Elisabeth Moss, Joseph FiennesYvonne Strahovski in The Handmaid’s Tale, il drama di HULU tratto dall’omonimo romanzo di Margaret Atwood previsto per il 2017. In Italia “Il racconto dell’ancella”, il romanzo distopico è ambientato a Gilead, una società totalitaria degli Stati Uniti, alle prese con disastri ambientali e con un tasso di natalità ai minimi storici; Gilead è governata da un movimento religioso che tratta le donne come una proprietà dello stato. Offred (Moss) è un’ancella che cerca di sopravvivere un mondo dominato da uomini nel regime di Gilead, schiavizzata da una società che da valore solo alla sua fertilità, che deve trovare un modo per sopravvivere in un mondo di oppressione e dove non esiste giustizia, per ritrovare la figlia che le è stata portata via dalla nascita. Brugel sarà Rita, la governante dei Waterford (Fiennes e Strahovski).
  • Jemar Michael (Dear White People) sarà ricorrente nell’omonimo adattamento televisivo in produzione a Netflix dell’acclamato film di Justin Semien. Incentrato su diversi gruppi di studenti di colore che frequentato un college della Ivy League prevalentemente bianco, il drama prodotto da Lionsgate racconta delle tensioni razziali fra i diversi studenti. Michael sarà Al, l’esuberante e etnicamente ambiguo leader dei Black American Forum (Black AF), un gruppo radicale rivale dei Winchester’s Black Student Union.
  • Christopher Gorham (Covert Affairs, Full Circle) sarà invece ricorrente nella seconda stagione di The Magicians su SyFy. Basata sui romanzi di Lev Grossman, la serie si incentra su Quentin (Jason Ralph), un brillante studente diplomato scelto per frequentare il Brakebills College for Magical Pedagogy, un’università segreta di New York specializzata in magia. Gorham interpreterà John Gaines, che scopre di possedere abilità inusuali.
  • C. Thomas Howell (The Amazing Spider-Man, Animal Kingdom) ha ottenuto il ruolo ricorrente nella seconda stagione di Outcast, l’adattamento televisivo dell’omonimo fumetto di Robert Kirkman (The Walking Dead) per Cinemax. Outcast si incentra su Kyle Barnes (Patrick Fugit), un reietto uomo di Rome, Virginia, la cui vita sembra essere strettamente collegata alle possessioni demoniache della propria città. Howell sarà una figura misteriosa che arriva a Rome con uno scopo segreto e terribile.