PS Review: Jane the Virgin, la nuova comedy latina targata The CW

0

Stagione 2014/15 le nuove serie tv commentate dalla redazione di dituttounpop. Scopri quale nuova serie vale la pena seguire e quale è meglio dimenticare in fretta. (N.B.: si tratta di opinioni strettamente personali, ti invitiamo a farci sapere anche la tua opinione: commenta l’articolo, seguici su Facebook o Twitter)

18278

Jane the Virgin è la nuova comedy latina targata The CW, basata sulla soap opera colombiana “Juana la Virgen” uscita nel 2002, la quale racconta la storia di una ragazza intenzionata a restare vergine fino al matrimonio, che per errore del suo medico però, viene fecondata con il seme di una sua vecchia “cotta” e quindi deve fare i conti con la sua nuova scoperta: essere incinta pur essendo vergine. Ma per Jane non sarà facile convivere con ciò che le è accaduto, infatti la dolce ragazza latina ha un fidanzato, il quale non è proprio dell’idea di tenere un bambino che non suo. Inoltre, Jane, dovrà destreggiarsi tra la sua famiglia e quella del padre del bambino che porta in grembo.  Jane the Virgin va in onda su The Cw ed è composta da otto episodi.

Ecco i nostri commenti:

“Frizzante e colorata, Jane the Virgin, è una di quelle comedy da guardare quando il proprio calendario seriale è vuoto e si ha bisogno di un qualcosa di fresco e leggero per rilassarsi. Non l’ho trovato così divertente come una comedy dovrebbe essere, potrebbe avermi strappato qualche sorriso, ma niente di più. Inoltre si nota subito che. la serie, è stata ripresa da una soap opera, visto i drammi particolarmente “surreali” stile “Beautiful” che tratta. Ma per chi ama il genere potrebbe essere un bel prodotto seriale. Per adesso mi limiterò a seguire il secondo episodio, ma dubito fortemente di aggiungerla al mio palinsesto.” VOTO:5
Natasha Nussenblatt

“Da premettere che il titolo della serie faceva pensare ad un disastro di serie, di certo non è un disastro, ma l’unico pregio della serie è che diverte ed è un ottimo guilty pleasure. Parliamo della solita serie The Cw, con livelli di stupidità elevati e assurdità che qui sono accentuate dal fatto che la serie è tratta da una telenovela. E’ prevedibilissima, tanto che si è subito capito chi era il padre di Jane, e con altrettanta facilità si può capire la direzione che la serie vuole intraprendere. Insomma, non posso lodare la serie per la qualità, ma come ho detto è un guilty pleasure e in un palinsesto seriale non possono esserci solo drama “di livello”, questo è il motivo per cui continuerò a guardarla, sempre che non scenda a livelli bassissimi.” Voto 5 
Davide Allegra

” La CW sforna il suo guilty pleasure dell’anno. Esatto avete lette bene. Jane The Virgin (di cui già il titolo è tutto un programma) è la serie che non ti aspetti. Assurda, trash, patinata e terribilmente banale, lo show del più piccolo network americano, colpisce solamente per un’ironia frivola che in 40 minuti riesce a strappare più di una risata, ma il resto è noia. Non si capisce il reale motivo del perchè, la CW, attingendo alla grande tradizione delle soap-opera venezuelane/messicane, ha voluto portare in tv un teen-drama sui generis impreziosito da tanti luoghi comuni. La realese finale però è più accettabile del previsto, pur sempre oscena, ma sicuramente (ascolti permettendo), Jane The Virgin, con il passar degli episodi sarà il perfetto passatempo dopo una giornata di studio/lavoro” Voto: 5 Carlo Lanna

jane

Nata e cresciuta a Twin Peaks, Natasha, Video Designer televisiva, ha passato la sua vita a cercare gli alieni a Roswell, a tentare d'inserirsi nella comunità di Orange County, a fare shopping sfrenato con Carrie Bradshaw, a combattere numerosi vampiri al fianco di Buffy ed è stata un membro prezioso nell'entourage di Vincent Chase! Il suo motto: "Mai guardare un episodio in una notte, se puoi vedere una stagione intera!"