Ps Review: Selfie, su ABC la comedy sull’ossessione per i social con Karen Gillan

0

Stagione 2014/15 le nuove serie tv commentate dalla redazione di dituttounpop. Scopri quale nuova serie vale la pena seguire e quale è meglio dimenticare in fretta. (N.B.: si tratta di opinioni strettamente personali, ti invitiamo a farci sapere anche la tua opinione: commenta l’articolo, seguici su Facebook o Twitter)

SELFIE

Selfie è una nuova comedy che va in onda sul canale americano ABC, ogni martedì a partire dal 30 settembre. La serie racconta la vita di Eliza Dooley, una donna che ha un’ossessione per i social network, che decide di cambiare quando capisce che gli amici sui social network non sono veramente amici, e ha veramente bisogno di trovare delle persone su cui fare affidamento. Così Eliza decide di “ingaggiare” Henry Higgs, un esperto di marketing che dovrà aiutarla a cambiare. Nel cast figurano Karen Gillan, già famosa per aver interpretato Amy Pond, compagna dell’undicesimo dottore. Fanno parte del cast anche John Cho, visto di recente in Sleepy Hollow, Tim PeperDa’Vine Joy Randolph, e Allyn Rachel

“Da premettere che ho visto il pilot della serie solo per la presenza di Karen Gillan, visto che la premessa secondo me non invoglia a vedere la serie, ti aspetti proprio una persona odiosa al centro della storia, una persona che farebbe impazzire chiunque sia un po’ razionale. Però devo dire che Selfie fa ridere, è il tipo di comedy leggera, a tratti stupida, ed è questo che una comedy deve essere. E’ quasi sicuro che i due protagonisti finiranno insieme, questo nel pilot risulta chiarissimo, ma quello che mi chiedo è: quanto tempo può durare una comedy con una simile premessa? Henry prima o poi riuscirà a cambiare Eliza, e poi? Beh questo non possiamo saperlo, ma intanto la serie merita di essere vista per farsi quattro risate, e in fin dei conti è l’unica cosa che conta.” Voto: 6.5
Davide Allegra

“Da più parti si sente dire che le comedy sono in crisi e che ormai il futuro della comedy è diventare dramedy. Non volendo arrendermi a questa evidenza, soprattutto perchè i dramedy sono prodotti di nicchia spesso prodotti dai canali cable, continuo a pensare che il problema delle comedy sia nella sovrabbondanza: ci sono troppi prodotti e la comedy è quello sacrificabile. Ignaro di tutto io continuerò a guardarmele e a divertirmi, un pò come in questo caso. Grazie ai precedenti lavori la Gillian e John Cho, oltre all’autrice Emily Kapneck si meritavano la visione e il risultato di Selfie non delude, senza però entusiasmare. Concordo con quanto detto sopra da Davide sul pilot che mostra troppe dinamiche e sul possibile futuro (anche in termini di ascolto), così come sul fatto che in fondo è divertente e gioca su stereotipi e luoghi comuni da sfatare che sono simpatici.” Voto: 6+
Riccardo Cristilli

selfie

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it