Recensione Empire, l’inaspettata gallina dalle uova d’oro della FOX

0
Calendario Serie TV Autunno 2015

Gennaio 2015 per la tv americana si è aperto con una sorpresa: Empire. La serie FOX non solo ha debuttato con un ottimo 3,8 di rating, ma è addirittura cresciuta nel secondo episodio toccando il 4,0 numeri difficili da trovare in tv e ancora più difficili da raggiungere per la FOX. Questo successo, in arrivo in Italia a marzo su Fox, nasce da  Lee Daniels (l’autore di The Butler) e Danny Strong e ha come protagonisti  Terrence Howard e Taraji P. Henson. Una storia che mischia hip hop, con le musiche originali di Timbland, dramma familiare, integrazioni, tematiche sociali, potere, soldi, successo il tutto all’interno dell’etichetta discografica Empire. In attesa di verificare anche l’accoglienza italiana su Fox Italia ecco i nostri commenti a Empire.

Recensione Empire: 

Empire è una serie “cool”e forse non c’è bisogno di aggiungere altro per parlarne. E’ una serie Americana in tutto e per tutto. C’è il riscatto, il sogno americano, la lotta per il potere, la cultura hip hop afroamericana che puoi trovare solo in quella terra, c’è la ricerca del successo, c’è la musica. E’ una serie perfetta in grado di conquistare più pubblico possibile, come effettivamente ha fatto, perchè è quasi impossibile non appassionarsi alle vicende dei protagonisti. Impeccabile anche da un punto di vista tecnico, con le musiche azzeccate e coinvolgenti, destinati a diventare delle hit anche fuori dal piccolo schermo. Un cast di livello e una scrittura che scorre fluida, almeno nel pilot, senza troppi intoppi. In onda sulla FOX, quindi su una generalista, tende a non eccedere mai, nè nella violenza, nè nel sesso. La FOX deve essere brava a non volerla spremere troppo, troppe puntate potrebbero farne scadere la parte musicale, tecnico-artistica e trasformarla da evento ad abitudine. Per il momento voto: 7,5 Riccardo Cristilli

“Fin dal trailer avevo il sentore che questa serie sarebbe stata epica, ed infatti le aspettative non sono state deluse. In un mix di grande intrattenimento e pop music, Empire si conferma essere la novità più scoppiettante di questa mid-season americana (almeno fino ad ora). La serie è una saga familiare a tutti gli effetti, ma i classici clichè da soap-opera vengono nascosti piuttosto saggiamente grazie ad un’atmosfera competitiva, raffinata, di grande comunione, un cast omogeneo, una colonna sonora dal grande respiro ed un plot invitante. Per ora solo grandi pregi per il musical soap della FOX e , se i restanti episodi saranno belli come il pilot, ci troveremo sicuramente di fronte ad un cult a tutti gli effetti” voto: 8  Carlo Lanna  

Empire i brani su Spotify

Una serie accattivante, che conquista subito lo spettatore con un pilot da urlo, questa è Empire ed è impossibile non innamorarsene. Le premesse per una serie sublime ci sono tutte: l’American Dream, il successo, la cultura e la musica. Il cast ben assemblato e un ritmo incalzante sono in grado di regalare le giuste emozioni all’utente che si ritrova immerso in questo mondo Americano al cento per cento. Un successo assicurato per questo show che nel suo primo episodio ha mostrato solo pregi e pochissimi difetti. Sicuramente è da inserire nel proprio palinsesto seriale. “Voto: 8 Natasha Nussenblatt

“Empire è proprio la serie che non ti aspetti, parte in midseason quindi in genere non si nutrono grandi speranze per gli show in partenza in questo periodo, quindi senza aspettative particolari ti ritrovi una serie tv molto godibile, ben studiata e che intrattiene alla grande. Empire non è solo hip-hop, che sì è l’argomento centrale della serie (con delle canzoni molto azzeccate e orecchiabili anche per me che non sono fan del genere musicale), ma gli autori sono stati bravi a dare il giusto background ai personaggi, con delle storie forti raccontate tramite flashback che sono interessanti quanto la trama del presente. Insomma Empire non brillerà di genialità ma è un ottimo intrattenimento è per questo motivo che secondo me va visto. Voto: 7.5″ Davide Allegra

 

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it