Recensione Limitless: riuscirà a superare i “limiti” della CBS?

0
Limtiless

In una stagione segnata dalle serie tv di derivazione cinematografica (come Minority Report di Fox), ci prova anche la CBS con Limitless novità del martedì sera alle 10 pm che chiuderà la serata composta da NCIS e NCIS New Orleans, prendendo il posto di Person of Interest rimandato in midseason. Limitless è basato, quindi, sul film del 2001 (a sua volta tratto dal romanzo Territori oscuri) e segue le vicende di Brian Fincher (Jake McDorman) che scopre il potere della droga NZT che dà delle abilità straordinarie e finirà per dare una mano all’FBI, in particolare all’agente interpretato da Jennifer Carpenter, intenzionato a studiare la reazione del suo corpo alla droga. Oltre ad essere produttore esecutivo della serie, Bradley Cooper (che interpretava il protagonista nel film) si è ritagliato un ruolo in Limitless e vestirà i panni del senatore   Edward Mora (Bradley Cooper) che aspira a diventare presidente e usa abitualmente la NZT; Cooper ha dichiarato che cercherà di essere nella serie il più possibile (leggi qui). Scritto da Craig Sweeny, diretto da Marc Webb è prodotto da Alex Kurtzman e Roberto Orci alla seconda serie su CBS dopo Scorpion.

Limitless 1×01 : i commenti di dituttounpop

La CBS prova a svecchiare le sue serie tv per svecchiare il proprio pubblico. Dopo il tentativo dello scorso anno con Scorpion che ha introdotto attori giovani in dinamiche da vecchio procedurale, ma con derivazioni nerd e in attesa dell’arrivo di Supergirl che proverà a conquistare i teen di Berlanti/Warner Bros, ecco arrivare Limitless. E il risultato è decisamente positivo. Limiltess 1×01 è un pilot smart, young e d’azione, che mette insieme un attore da comedy per dare freschezza e un pizzico di semplicità in più, senza sguardi profondi e voce impostata e la Jennifer Carpenter di Dexter in cerca di una nuova casa. Si circonda di ottimi comprimari, tutti volti noti del mondo tv e si regala la chicca di un Bradley Cooper prestato alla tv in un ruolo da guest star semi regolare. Limitless 1×01 è un passo in avanti rispetto a Scorpion perchè prova a introdurre una trama orizzontale oltre alle dinamiche procedurali di caccia al criminale che ci aspettano dalla seconda puntata. Le potenzialità per esplodere ci sono tutte. Intanto godiamoci un intrattenimento ben fatto, avvincente e dinamico, un cambio di ritmo nel martedì del canale, in cerca di un pubblico diverso, magari più connesso che possa recuperare la serie anche nei giorni successivi. Voto 7+ Riccardo Cristilli

Sì, forse CBS ha veramente superato i suoi limiti con Limitless. Il pilot non ha nessuna caratteristica delle classiche serie del canale, è veramente scorrevole, si arriva al finale di puntata e sembrano essere passati pochi minuti, è quindi coinvolgente grazie ad una storia più moderna che sì, apre le porte ad un procedurale, ma allo stesso tempo fissa dei punti fermi (grazie alla trama introdotta dal personaggio di Bradley Cooper) che prima o poi durante la stagione saranno esplorati. Insomma Alex Kurtzman e Roberto Orci quest’anno non hanno deluso, hanno prodotto un pilot che forse è l’esempio dell’intrattenimento serale, quando si torna a casa stanchi dal lavoro, e questo potrebbe essere un punto di forza che potrebbe far guadagnare a Limitless una buona fetta di di pubblico nella serata del martedì.” Voto: 7 Davide Allegra

Non sono un grande fan degli adattamenti (che in questo momento vanno tanto di moda), preferisco sempre approcciarmi a prodotti originali, ma devo ammettere che Limitless mi ha lasciato piacevolmente stupito. Il pilot è scorrevole, divertente e pieno d’azione, con una narrazione ben costruita e attori in grado di tenere bene la scena, Jake McDorman su tutti. Ci sono però un paio di scelte che mi hanno portato a storcere il naso: il personaggio della Carpenter, nonostante la bravura dell’attrice, è un classico cliché, così come la direzione presa nel finale di episodio, che inevitabilmente caratterizzerà la serie. Certo, la presenza di una trama orizzontale è confortante, ma allo stesso modo quella di Bradley Cooper sia come interprete che come produttore mi porta a temere il peggio: non è mai un buon segno quando un attore si auto produce. La prova del nove, comunque, arriverà con i prossimi due episodi, quando Limitless si mostrerà realmente per quello che é.” Voto: 6,5 Davide Consolandi

“Questa serie tv è un vero salto nel vuoto  per il network della CBS e, forse,  proprio in questa sua atipicità si trova la forza di Limitless. Dal Lungometraggio con Bradley Cooper nasce questa produzione televisiva  tutta action ed ironia, una ventata di aria fresca per una rete che da anni non sperimenta nulla di particolare nell’universo seriale. In cerca di qualcosa di nuovo, fresco e giovane, Limitless risponde alle nuove caratteristiche di un  mercato esigente ma con quella marcia in più. Intrigante è il plot, bravi i protagonisti ed interessante il soppesare la tematica mystery a quella crime. Un miscuglio che colpisce e stupisce come nessuna serie aveva fatto da qualche tempo a questa parte” Voto: 7 sulla fiducia Carlo Lanna

“E dopo la rivisitazione di Maccio Capatonda, Limitless torna ancora una volta, in una veste fresca, ma seria, che potrebbe portare un grande cospiquo alla CBS. Di fatto il pilot apre le porte a quello che potrebbe essere un successo per il network, grazie alla giusta dose di azione abbinata ad una semplicità e linearità notevole. Un cast azzeccato che mischia differenti background, dalla Comedy al cinema Hollywoodiano, ma quello che fa più piacere e che potrebbe essere sinonimo di una buona riuscita per la serie, è proprio la presenza di Bradley Cooper, che oltre ad essere il produttore esecutivo ha voluto figurare come guest star.
Regia e montaggio ritmati con inquadrature ed effetti che ricordano in pieno lo stile del film. Sicuramente lo inserirò nel mio calendario seriale.”
Voto: 8 Natasha Nussenblatt