Recensione Mr Robot il cyber thriller contro le corporazioni e i social network

0
mr robot

Mr Robot dal 24 giugno su USA Network

Un mese prima del debutto fissato su USA Network, la rete ha deciso di rilasciare sui servizi VOD il pilot del suo nuovo thriller estivo, Mr Robot. Mr Robot è un cyber thriller a sfondo psicologico, creato da Sam Esmail, prodotto dalla Universal e Anonymous Content, con Rami Malek nei panni del protagonista e Christian Slater in quelli di Mr Robot un enigmatico hacker anarchico. Il regista del pilot è il danese Niels Arden Oplev già regista di The Girl With The Dragon Tatoo e del pilot di Under the Dome. Mr Robot racconta le vicende di un giovane hacker di notte e tecnico informatico di giorno che viene reclutato da un gruppo di hacker anarchici.

Mr Robot i commenti di dituttounpop

“Fuck Social Media. Fuck Wall Street. Lanciato da questa campagna e con un mese per alimentarne il passaparola, Mr Robot rischia di essere la sorpresa dell’estate 2015. Imprevedibile e inaspettata considerando il canale su cui va in onda, ma che incarna la voglia di USA Network di affrancarsi dai drama con venature più leggere per virare verso serie più stratificate. Il pilot di Mr Robot non concede un attimo di tregua, oltre 60 minuti impiegati per presentare il protagonista e il suo complicato mondo, farci conoscere la sua realtà e spalancare le porte alle altre puntate in cui davvero tutto può succedere. Elliot (Malek) pensa politicamente scorretto, ma cerca di restare immerso nella società contemporanea che detesta, l’unico modo che ha di interagire con gli altri è hackerarli, scovare i loro segreti, con la stessa semplicità con cui ognuno di noi berrebbe un caffè. Nei brand e nei personaggi della nostra società si nasconde il marci da abbattere, il nemico da sconfiggere, in barba a tutte le logiche di product placement. Riuscirà Mr Robot a sconfiggere il “Grande Fratello”? Sicuramente arricchirà l’estate seriale. Voto 8 e mezzo. Riccardo Cristilli

“Solo con il primo episodio la serie Mr. Robot è già diventata la sorpresa dell’estate americana, che viene da USA Network il canale via cavo che fino ad oggi si era fatto conoscere grazie ai “procedurali particolari” senza alcuna pretesa e molto leggeri. Beh… Mr. Robot non rientra in quella categoria, personalmente mi ha ricordato molto lo stile di narrazione di Dexter: con il protagonista al centro di tutta la storia, con la voce fuori campo che ci racconta i suoi veri sentimenti rispetto a quello che accade, solo che in questo caso abbiamo Elliot, un tecnico informatico molto problematico, che grazie al suo racconto ci fa conoscere quel lato di lui che va contro a tutto e tutti, a partire dai social network. Il pilot, che ha una durata più lunga rispetto agli standard a cui siamo abituati, ci introduce nel mondo di Elliot, un mondo in cui lui di giorno si trova a difendere i sistemi informatici di una compagnia che primeggia nel mercato ma che lui tanto detesta e di notte cerca informazioni sulle sue “prede” che consegnerà alla giustizia solo perchè è giusto così, non per scopi personali: “non me ne frega un cazzo dei soldi” dice ad una sua preda che cerca di comprarlo. Il pilot conquista già dai primi minuti, grazie alla storia coinvolgente che non lascia respiro e alle immagini cupe che affascinano.” Voto: 8.5. Davide Allegra.