Recensione Shadowhunters: ABC Family cambia il nome ma non lo stile

0
Rinnovi e cancellazioni

Recensione Shadowhunters 1×01: dal 12 gennaio il nuovo drama di Freeform, ex ABC Family, ecco i nostri commenti

Recensione ShadowhuntersShadowhunters è la prima serie tv di ABC Family sotto il nuovo nome, Freeform e insieme ai nuovi episodi di Pretty Little Liars ha battezzato il cambio di nome del canale, proprio martedì 12 gennaio (in Italia in contemporanea USA su Netflix il giorno dopo, con un episodio a settimana) . Shadowhunters racconta la storia della diciottenne Clary (Katherine McNamara) che il giorno del suo compleanno scopre che non è chi crede, ma discende da una famiglia di Shadowhunters, ibridi umano-angelo chiamati a cacciare i demoni. Quando la madre Jocelyn viene rapita, Clary viene condotta in questo mondo dal misterioso Shadowhunter Jace (Dominc Sherwood) e si porterà dietro l’amico Simon (Alberto Rosende). Si ritroverà a vivere in un mondo fatto di fate, demoni, uomini lupo, vampiri e scoprirà i segreti del suo passato, cercando di scoprire se stessa. La serie, sfruttando l’ottimo traino di Pretty Little Liars, ha registrato buoni ascolti per Freeform, uno 0.8 di rating e 1.82 milioni di spettatori.

Dopo il trailer i nostri commenti

“Dopo tanto parlare Shadowhunters arriva “finalmente” su Freeform/ABC Family, e senza alcuna sorpresa posso dire che è proprio come me l’aspettavo. E’ un semplice drama adolescenziale composto da un cast di volti nuovi con dubbie capacità recitative e con personaggi standard usciti dalla solita fabbrica dei teen drama. La protagonista, Clary è la solita protagonista che non sa di appartenere ad una lunga stirpe di cacciatori di demoni a cui aspetta un destino da eroina, c’è il migliore amico che ha una cotta evidente per lei, e la migliore amica di lei che invece ha una cotta per l’amico nerd di lei. Insomma in Shadowhunters sono presenti tutti i cliché immaginabili, è quindi un teen drama ma ambientato in un mondo soprannaturale con atmosfere dark e più sexy, ed è solo qui che si nota il cambiamento di stile del canale da quando ha cambiato nome in Freeform. Shadowhunter è una serie che può essere vista mentre si fanno tante altre cose, tanto è su Netflix, quindi a portata di click.Voto: 5.5 Davide Allegra

Shadowhunters è quello che è, quello che deve essere e quello che era lecito aspettarsi fosse. Ci saremmo stupiti se fosse stato un capolavoro, così come se avesse avuto protagonisti brutti. Shadowhunters è la serie tv ideale per quella fascia di pubblico teen tra i 12 e i 16 anni che possono innamorarsi dei giovani protagonisti e sognare di essere la protagonista. Ha un pubblico ben definito e di certo non la si può criticare per questo. Anzi la capacità di identificare il pubblico a cui rivolgersi è un pregio della serie tv e del canale, che ha tolto l’appellativo “family” dal titolo perchè non più rispondente alle sue esigenze (in fondo Pretty Little Liars è mai stata una serie “familiare”?). Da 30 enne non posso che sottolineare quanto detto in precedenza da Davide: è una serie comoda, a portata di click stando su Netflix che non annoia e può farti passare quei 40 minuti in cui hai voglia di rilassarti tra una serie più adulta e l’altra. Voto: 6 – di pancia, 7 e mezzo di testa pensando ai suoi obiettivi.