Recensione The Path: il cammino lungo e poco interessante di Hulu

0
The Path trailer della serie tv con Aaron Paul

Recensione The Path 1×01: la serie tv Hulu in 10 episodi con Aaron Paul, Hugh Dancy e Michelle Monaghan

Recensione The PathThe Path è la seconda serie tv originale di Hulu, il servizio streaming americano di ABC, FOX e NBC. La serie ha debuttato con un doppio episodio lo scorso 30 marzo, e è stata creata da Jessica Goldberg e prodotta da Jason Katims di Parenthood e vede nel cast: Aaron Paul (Breaking Bad), Hugh Dancy (Hannibal) e Michelle Monaghan (True Detective) Rockmond Dunbar, Minka Kelly e Katlheen Turner. The Path racconta le vicende di una famiglia al centro di un controverso culto con un intreccio di relazioni, potere e destino. Ogni episodio racconterà in maniera approfondita il culto ma soprattutto si soffermerà su cosa vuol dire dover scegliere tra la vita che si vive e la vita che si vorrebbe.

Recensione The Path 1×01: i commenti di dituttounpop

“Sicuramente mi sono fatto un’idea sbagliata di Hulu e sulla tipologia di serie che avrebbe proposto ai suoi abbonati. E visto che il suo pubblico è formato da gente abituata alla visione settimanale delle reti in chiaro, lo stile delle sue serie tv non poteva che essere basato su quello broadcast, diciamo che è un “broadcast evoluto” con parolacce e scene di sesso. Su The Path c’è poco da dire, dopo la visione dei primi due episodi abbiamo conosciuto i personaggi molto in superficie, abbiamo conosciuto il Mayerismo, ma il tutto risulta molto superficiale e al momento il risultato è seguire la vita quotidiana di una banda di matti, niente di più. Il cast fa il suo lavoro, ma non basta a raccontare una storia che si svolge molto lentamente e senza nessun colpo di scena reale (quelli che ci sono non li definirei colpi di scena). Discutibile pure l’utilizzo della musica da thriller che ti anticipa una scena che sembra importante, ma che poi in realtà non lo è. Insomma nei primi due episodi The Path è proprio un cammino lungo e tortuoso che non coinvolge e sinceramente non mi interessa moltissimo quello che accadrà dopo. Hulu dovrebbe capire che il cast di attori capaci e noti, se non accompagnati da una storia coinvolgente, serve solo a fare marketing, con poster e trailer che servono a attirare i fan degli attori. Voto 5,5 Davide Allegra.

“La nuova proposta di serie tv originale di Hulu The Path è uno di quei classici prodotti perfetti sulla carta: ottimo cast, tema ad effetto, produzione di Jason Katims proveniente dall’esperienza di Parenthood. Il problema sorge quando tutto resta su carta. The Path, di cui ho visto solo uno dei due episodi rilasciati, è un prodotto senz’anima pur dovendo affrontare una tematica religiosa e senza corpo, pur avendo dei corpi importanti come Aaron Paul, Hugh Dancy e Michelle Monaghan. La setta religiosa descritta è affascinante e interessante, ma è l’incarnazione di miriadi di altre sette e culti visti in passato. Ma non è solo la storia a non funzionare. Probabilmente per cercare di creare maggiore interesse, la produzione ha deciso di arricchire il pilot con un montaggio discutibile in cui vengono introdotti flashback lunghi e a tratti scollegati. Allo stesso modo viene inserita una musica da suspance, tipica dei thriller, senza alcun risvolto pratico. A salvarsi sono solamente gli attori, che risollevano un prodotto le cui aspettative erano ben diverse. Voto 5. Riccardo

 

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it