Recensione Bloodline: il nuovo drama di Netflix dai creatori di Damages

0

Bloodline è una delle serie che Netflix sta rilasciando in questo periodo, precisamente venerdì 20 Marzo, in seguito all’annuncio da parte dei vertici dell’intenzione di rilasciare un prodotto originale ogni due settimane circa. La serie, prodotta da Todd A. Kessler, Glenn Kessler e Daniel Zelman (il trio di Damages) per la Sony TV, racconta dei Rayburn, una famiglia rispettata e con una buona reputazione nella comunità in cui vivono, le Keys. Ma come ogni famiglia, l’apparenza non corrisponde sempre a verità, infatti quando si riuniscono per festeggiare il 45° anniversario dell’hotel di cui sono proprietari, gli oscuri segreti rischiano di essere rivelati da Danny, la pecora nera della famiglia. Nel cast troviamo: Kyle Chandler, Ben Mendelsohn, Linda Cardellini, Sam Shepard, Sissy Spacek, Norbert Leo Butz, Jacinda Barrett e Jamie McShane.

Bloodline i nostri commenti:

“Beh così rischio di apparire come un fanboy di Netflix, ma pazienza, provare per credere: ancora applausi per questo nuovo thriller dalle venature di un family drama. Le atmosfere mi hanno ricordato moltissimo The Affair, (serie Showtime andata in onda quest’autunno, qui) con cui non ha nient’altro in comune. Personalmente ritengo che nonostante l’hype creatosi dopo la visione del primo episodio, è difficile avere un opinione completa della serie che nel primo episodio ha introdotto la famiglia Rayburn e le loro dinamiche familiari, e cosa più importante ha stuzzicato lo spettatore con questi flashforward di qualche secondo che anticipano una parte di quello che accadrà nel futuro. Se il loro obiettivo era quello di incuriosire, ci sono riusciti alla grande, personalmente non vedo l’ora di continuarne la visione. “Voto 8 Davide Allegra

“Probabilmente siamo in due ad essere fanboy di Netflix (anche se la “shippo” tantissimo con Amazon, da leggere con un velo di sarcasmo), in più ci aggiungo la mia passione sfrenata per Damages serie creata dagli stessi autori di Bloodline ed è impossibile non notare le somiglianze. Soprattutto nella costruzione con flashfoward disturbanti, provocatori che ti lasciano carico di dubbi e in spasmodica attesa dell’episodio successivo e di quelli che verranno. Bloodline è una serie adulta, matura, come probabilmente oggi solamente Netflix e pochi altri canali cable possono fare. Non è una serie facile, richiede impegno da parte dello spettatore, non cede a facili entusiasmi, non ti permette di sapere troppo e sei consapevole che ogni passaggio è importante. Al tempo stesso guarda alla sostanza e non alla forma, non cerca l’eccesso a tutti i costi, ma sviluppa il contenuto per quello che è. Se lo spettatore vuole prendere l’impegno di guardarlo bene, altrimenti può scegliere un altro prodotto. Non cerca l’acclamazione della folla, ma la dedizione della nicchia. Per questo è una serie perfetta. Almeno nella sua premiere, speriamo di poter confermare quanto detto anche alla fine di tutte le puntate.” Voto 9 Riccardo Cristilli Per chi non l’avesse fatto guardate Damages, almeno le prime due stagioni: la vostra vita seriale ne trarrà beneficio.

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it