Shark Tank – Successo sui social. Tutti i progetti approvati.

0
Shark Tank

Successo sui social e tra il pubblico giovane.

Tutti i progetti approvati.

E’ partito ieri sera, su Italia 1, “Shark Tank”,  uno dei nuovi programmi della Nuova Italia 1 e la prima puntata, delle due previste per questo nuovo esperimento, ha raccolto un numero discreto di telespettatori, 1.382.000 con il 6.39% di share medio, registrando quindi un ascolto tiepido.

La serata di ieri sera non era una serata semplice: l’esordio di Hell’s Kitchen su Sky Uno, la seconda semifinale dell‘Eurovision Song Contest, che ha totalizzato un risultato altissimo per Rai4, non hanno di certo aiutato il nuovo format.

Il grande successo, che è un dato su cui la rete dovrebbe lavorare perché parliamo della rete giovane di Mediaset, è il grandissimo seguito tra i giovanissimi: 17.35% di share sul target 15-24 anni e 15.27% di share tra i 15-35enni. In particolare boom sul pubblico maschile compreso tra i 20-24 anni, dove il programma registra il 22.1% di share.

 Anche su Twitter l’hashtag ufficiale della trasmissione #SharkTankIT è rientrato nella top ten degli argomenti più discussi della serata.

Shark Tank – Opinioni non richieste

Appena è iniziato il programma ho avuto un piccolo déjà vu. La voce fuori campo mi ha riportato, con la mente, a The Apprentice e quindi, ho aspettato invano che arrivasse Briatore con la sua famosa frase “Sei Fuori”.

Se quando è stato annunciato, il paragone con lo stesso The Apprentice era dietro l’angolo, dopo la prima puntata ( ammetto di non aver mai seguito una puntata della versione originale!), posso dire che “Shark Tank” è completamente diverso. Il punto di forza sono i cinque imprenditori (clicca qui per maggiori informazioni) che discutono e cercano di accaparrarsi le varie idee proposte dai “concorrenti”. I momenti migliori  però sono le critiche che gli stessi muovono verso le persone che si presentano.

Tra le tante idee che sono state presentate, diverse e anche particolari, alcune sono riuscite ad ottenere l’approvazione. Tra queste troviamo:

– il Polentone di Marco Piovano, che ha scelto di rivisitare un piatto tipico del suo paese riadattandolo al consumatore moderno che ricerca la rapidità e la praticità non tralasciando il gusto,

IPPS, il sensore di parcheggio pensato da Fabio, portatile e innovativo che agisce attraverso raggi infrarossi che ha concluso, con Mariarita Costanza, un deal  500.000 euro in cambio del 12% della società.

– Cali® Hotplate, presentato da Piergiorgio, insieme alla compagna Milena Bagnati è un riscaldatore a induzione che permette di cucinare direttamente su un piatto con la comodità di una superficie che risponde alle esigenze di un vasto pubblico.

– Mamma Menia, presentata da Filomena, per gli amici Menia, è una startup che offre servizi per le mamme. È una piattaforma online (con relativa applicazione in fase di sviluppo) che permette di commercializzare cofanetti regalo di diverso tipo: servizi benessere, eventi emozionali, babysitting e assistenza nei lavori domestici

– Il progetto Airlite, è presentato da Massimo, un esperto di materiali innovativi. Airlite è una società che produce pitture ad alte prestazioni, multifunzionali e 100% naturali, che eliminano le sostanze dannose nell’aria e i batteri presenti tramite la reazione della fotocatalisi. Dipingere una superficie di 100 m2 con Airlite riduce l’inquinamento dell’aria al pari di un’area di 100 m2 coperta da alberi ad alto fusto. Airlite ottiene un deal da 750.000 euro in cambio del 3% della società. A investire è stato Fabio Cannavale.

– Il mais corvino presentato da Carlo Maria Recchia  che è l’unico produttore in Italia e in Europa di mais corvino. Con il suo progetto CMR intende rilanciare un’antica varietà di mais nero attraverso prodotti alimentari nuovi e genuini, ricchi di flavonoidi, vitamine e betacarotene: farina, biscotti, birra, gallette, pane, nettare di mais e grissini.

Shark Tank la prima puntata

[adsense]