I’m Dying Up Here: Showtime ordina il dramedy prodotto da Jim Carrey

0
I'm Dying Up Here

I’m Dying Up Here, è una nuova serie ordinata da Showtime che vede Jim Carrey tra i produttori.

Showtime ha ordinato a serie la comedy da un’ora, I’m Dying Up Here, prodotta da Jim Carrey. E’ stato il presidente di Showtime, David Nevins, ad annunciarlo martedì al TCA winter press tour. La serie è ambientata nel mondo del cabaret del 1970, periodo in cui tantissimi attori, tra cui Carrey, hanno iniziato le loro carriere e racconta dello stato emotivo in cui gli stand-up comedian versavano quando dovevano far ridere il pubblico di fronte a loro.

In particolare I’m Dying Up Here,  si concentrerà su un gruppo di comici di Los Angeles e sul loro mentore, Goldie, il proprietario di un club, che gestisce la sua attività con il pugno di ferro e nutre i suoi comici con un amore duro. Nel cast troviamo Melissa Leo, Ari Graynor, Clark Duke, Michael Angarano, RJ Cyler, Erik Griffin e Stephen Guarino. La serie è stata sceneggiata da Dave Flebotte (Masters of Sex), ed è prodotta da Carrey, Michael Aguilar e Christina Wayne, la produzione della serie partirà il prossimo autunno a Los Angeles.

Un nuovo progetto su ABC da Kelly Ripa e Mark Consuelos

Da un drama ordinato passiamo ad altri progetti ancora in sviluppo per la televisione americana. ABC sta sviluppando una comedy da Kelly Ripa e Mark Consuelos. Sceneggiata da Andrew Leeds, racconta di una coppia di marito e moglie, Marty e Florie, stanno cercando di respingere quel processo di sviluppo del loro quartiere degradato di Brooklyn. Quando scopriranno che le loro tre figlie sono coinvolte in relazioni amorose con i responsabili di questo progetto, Marty e Florie saranno costretti a lasciar perdere.

Una miniserie sul fondatore di Playboy

La Stephen David Entrartainment sta producendo una miniserie su Hugh Hefner, il fondatore di Playboy. La casa di produzione sta già proponendo il progetto ai network, e la produzione partirà nel 2016. Stephen David sarà produttore esecutivo insieme a Peter Jaysen e Dick Rosenzweig. La produzione della serie avrà accesso a tutti i numeri della rivista, e ai filmati. Sarà una sorda di drama documentario che racconterà circa sessant’anni di storia.

 

Dire che amo le serie tv è abbastanza scontato visto che sono qui, è una passione che ormai è diventata quotidianità e che si è allargata pian piano, passando da 4-5 serie a circa 80 serie durante l'anno (ma saranno di più). Scrivo per passione, e soprattutto scrivo per dar sfogo alla mia ossessione per gli ascolti e le previsioni di rinnovo delle serie tv, ma questo lo sapete già. Per info: d.allegra@dituttounpop.it