Su SkyAtlantic arriva True Detective, la miniserie di cui tutti parlano [aggiornato]

0

true-detective-headerA partire da questa sera su SkyAtlantic (canale 110 di Sky) alle 21:10 arriva True Detective, una delle miniserie più chiacchierate e discusse degli ultimi mesi. Accompagnata da un’imponente campagna pubblicitaria, sia sui vari canali della piattaforma Sky che nelle principali città italiane con la spirale simbolo della serie che ha invaso Milano, True Detective arriva da questa sera ogni venerdì con un doppio episodio, le due puntate di questa sera andranno in onda anche dopo la mezzanotte e ovviamente sono disponibili su SkyGo e su SkyOnDemand. Inoltre domenica 5 ottobre su Cielo canale 26 del digitale terrestre dopo le 23, le prime puntate andranno in onda in chiaro in esclusiva, per cercare di far conoscere la serie ad un pubblico più vasto. Inoltre sarà possibile vedere la serie anche su SkyOnline che offre la visione gratuita dei primi due episodi.

True Detective a Milano
[adsense]

True Detective è una serie antologica o una miniserie antologica in otto puntate, si definisce antologica perchè sul modello di American Horror Story, ogni stagione avrà al centro una diversa storia e nuovi protagonisti.  Matthew McConaughey e Woody Harrelson sono stati gli assoluti dominatori della prima stagione, mentre il cast della seconda è ancora in fase di definizione, con Colin Farrell e Vince Vaughn gli unici due nomi già ufficializzati (leggi qui). La serie ha ricevuto numerosi premi e probabilmente ne avrete già tutti sentito parlare e forse l’avrete anche tutti già vista attraverso quel mare magnum che è il web. E’ stata una serie molto discussa e tra appassionati e semplici curiosi, in 8 mesi dalla messa in onda su HBO, probabilmene in molti l’avranno vista. Pino Insegno e Adriano Giannini sono i doppiatori scelti per la versione italiana della serie.

Matthew-McConaugheyPer i neofiti, True Detective è un noir introspettivo, che parte da un caso del 2012 che ha molte affinità con uno chiuso nel 1995 e di cui si erano occupati i detective Rustin Spencer “Rust” Cohle (McConaughey) e Martin Eric “Marty” Hart (Harrelson), che vengono chiamati a raccontare quanto fatto nel 1995 per capire l’attinenza con quello del 2012.

Si sono spesi fiumi di inchiostro e bit per elogiare questa miniserie, dall’avere una regia cinematografica, alla superlativa prova degli attori, vero punto di forza di True Detective. Tutto verissimo. L’autore Nic Pizzolato ha realizzato un complesso noir che poggia completamente sulle spalle della coppia d’attori e della componente tecnica della produzione. Anche perchè l’indagine non ha nulla di innovativo, nè di particolare rispetto a quanto visto in passato, nè la messa in scena degli omicidi colpisce l’occhio attento del telefilo, visto quanto portato in tv per esempio da Hannibal, solo per restare a una serie tv temporalmente vicina.

True Detective non è una miniserie per tutti gli spettatori. E’ un prodotto complesso, che procede lentamente nello sviluppo di ogni singola puntata, che si fa apprezzare per alcune tecniche di regia e per l’interpretazione dei personaggi, tutte particolarità apprezzabili in un film più che in una serie televisiva, che come fondamento dovrebbe avere la curiosità di vedere cosa succede dopo, la spinta emotiva per scoprire cosa capiterà ai personaggi nelle puntate successive, la capacità di creare una connessione emotiva tra lo spettatore e il prodotto fruito.

True Detective rientra negli ottimi prodotti che diventano “di massa” grazie all’ottima stampa e alle opere di marketing di un brand diventato internazionalmente riconosciuto per i prodotti di qualità come è la HBO. Grazie a queste operazioni True Detective è diventata una “serie da vedere”, quei prodotti che trasformano i semplici curiosi in esperti di serie tv, quei prodotti da sbandierare alla prima occasione in ogni tipo di contesto. Anche questo rientra nelle componenti di successo di una serie tv: diventare un prodotto necessariamente da conoscere. Anche se una volta fatto partire il primo episodio ci si è risvegliati il mattino dopo avendo trascorso una delle migliori nottate di sonno.

N.B.: gli ultimi paragrafi sono considerazioni strettamente personali, per farvi anche la vostra di opinione l’appuntamento è per questa sera, ogni venerdì su Sky Atlantic HD.

Video – News da SkyAtlantic
[adsense]

Per andare da A a B passereste prima per C? Se si perchè? e D? Non rischia di offendersi se non gli facciamo nemmeno un saluto? Ma soprattutto, che razza di bio è questa? Siete sicuri di volere una biografia? Mi trovate su Fb/tw/G+/pinterest/instagram/linkedIn come Riccardo Cristilli, il modo più semplice per farvi i fa....ehm conoscermi meglio. Per comunicati, eventi, news sulle serie tv scrivete a r.cristilli@dituttoupop.it