Le vie del cinema 2014: Enrico Signorelli ci spiega il successo di questa edizione (16.000 utenti)

0

cannes_e_dintorni

Quest’oggi si conclude la manifestazione le vie del cinema, l’iniziativa promossa da AGIS lombarda, Comune di Milano, Corriere della Sera, con il sostegno di Regione Lombardia, Consolato generale di Svizzera a Milano e Ticino Turismo. Per chi non conoscesse questa rassegna, le vie del cinema porta nei cinema milanesi le pellicole cinematografiche presentate alla 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e i Pardi premiati al 67° Festival del film Locarno e da quest’anno anche i lungometraggi premiati alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, al Torino Film Festival, al Bergamo Film Meeting e al Milano Film Festival. Questa edizione è stata particolarmente di successo stando al numero di persone che hanno aderito all’iniziativa andando nei 9 cinema disponibili, infatti si parla di circa 16.000 utenti distribuiti nel corso dei 10 giorni di programmazione.

A concludere la rassegna, oggi verranno proiettati 5 nuovi film (PEREZ. di Edoardo De Angelis con con Luca Zingaretti, Marco D’Amore; LA RANÇON DE LA GLOIRE di Xavier Beauvois; WORDS WITH GODS di Guillermo Arriaga, Emir Kusturica, Amos Gitai, Mira Nair, Warwick Thornton, Hector Babenco, Bahman Ghobadi, Hideo Nakata, Álex de la Iglesia; BIRDMAN OR di Alejandro González Iñárritu; COME TO MY VOICE (WERE DENGÊ MIN)di Hüseyin Karabey, Premio del Pubblico – 19° Milano Film Festival 2014), naturalmente tutti in lingua originale con sottotitoli in italiano.

[adsense]

Per farci spiegare i motivi del successo di questa edizione abbiamo contattato Enrico Signorelli, presidente Anec Lombarda.

Siamo ormai arrivati all’ultimo giorno e la manifestazione ha raccolto più di 16.000 utenti, secondo lei a cosa è dovuto il successo di questa edizione?

Noi, in questi giorni abbiamo fatto un’analisi che ci ha portato a conteggiare circa duemila prevendite in più rispetto lo scorso anno, l’attenzione che il pubblico ha dato potrebbe essere legata alla storicità dell’iniziativa, alla quale il pubblico è molto affezionato, capendo il fatto che sia una cosa unica nel suo genere perchè molte di queste pellicole non hanno una distribuzione cinematografica; lasciamo la possibilità al pubblico di scegliere il “proprio” Leone d’Oro, scegliendo in base a quello che piace di più. Insomma dare una motivazione unica al successo ottenuto credo non sia possibile, sicuramente diciamo che l’affetto che ci hanno dimostrato negli anni, nonostante il periodo economico, sia uno dei fattori primari, un grazie anche agli uffici dell’associazione per il lavoro svolto e un grazie alle sale che si sono messe a disposizione.

Il successo è riconducibile anche al fatto che in questa edizione sono state introdotte pellicole di nuovi Festival?

Sicuramente, le vie del cinema ha iniziato con i film in concorso a Venezia, allargandosi sempre più fino a coinvolgere Locarno e altri, in realtà adesso si è arricchita anche troppo infatti, per la prossima edizione, stiamo studiando nuove formule. Diciamo che abbiamo avuto quest’idea di sperimentare e abbiamo avuto ottimi riscontri; ad esempio abbiamo aveto un’enorme riscontro dal web, tant’è che il 70% dei biglietti sono stati acquistati online, abbiamo avuto dei picchi altissimi sia di visualizzazioni su social che sul nostro sito nelle giornate in cui abbiamo pubblicato il programma o il primo giorno di acquisto online, quindi un’attenzione, anche grazie ai nuovi media, che conferma l’interesse verso la manifestazione.

16196604-k0R-U430101937821387PaD-1224x916@Corriere-Web-Bergamo-593x443

Considerando allora il successo che sta avendo questa edizione “social”, la prossima edizione sarà più rinnovata sfruttando altri canali e non solo il cinema?

Adesso è prematuro, siamo in working progress su più fronti, non nascondo che i progetti futuri sono legati anche ad un questione di economia, perchè nonostante le agevolazioni da parte di sale, distributori e comune di Milano, i costi sono comunque molto alti; è chiaro che è l’anno dell’EXPO quindi stiamo pensando ad un rilancio dell’iniziativa stessa coinvolgendo altre sale fuori Milano. Ecco stiamo studiando di dare una maggiore importanza alla rassegna creando delle doppie opportunità. Dal punto di vista dei social sicuramente noi crediamo di più alla centralità della sala, perchè la condivisione della notizia poi deve diventare un social reale, da condividere in sala quella che è la proiezione, perchè ormai le sale sono sempre più dei centri di aggregazione culturale.

La ressegna toccherà mai altre città oltre Milano, creando magari un tour?

C’è un progetto che abbiamo anche sottoposto alla regione proprio per l’anno dell’EXPO, anche come sorta di sperimentazione per il futuro, ovvero sviluppare contemporaneamente alla città di Milano un “fratello minore”, magari con una selezione di film e non tutta la rassegna, in alcuni capoluoghi di provincia lombardi. E’ un progetto ambizioso perchè ha dei costi elevati e quindi abbiamo bisogno di un sostegno esterno; ci stiamo lavorando, ci piace, anche in questo caso per rinnovare e innovare. Staremo a vedere nei prossimi mesi.

[adsense]

Beh, che dire... Amo le Serie tv, il Cinema e il Design... ah, anche mangiare, ma questo è un altro discorso. Scrivevo, scrivo e penso che continuerò comunque a farlo nonostante il tempo tiranno. Sono ovunque, in ogni sezione c'è del mio, come una pianta infestante in pratica. In passato, come molti colleghi presenti su dituttounpop, ho preso parte al progetto editoriale "Un anno con il Serial Club". Membro fondatore della #bandadellapellicola Non siate timidi e per comunicati, eventi, news scrivetemi! l.lemma@dituttounpop.it