X Factor 9 La Giuria Fedez: “l’anno scorso io vivevo un po’ il limite e la paura del non sentirmi all’altezza e soprattutto di non sentirmi autorevole nelle cose che dicevo”

0

X Factor 9 La Giuria Fedez: “l’anno scorso io vivevo un po’ il limite e la paura del non sentirmi all’altezza….oggi mi sento coglione uguale….ma avendo vinto posso menarmela un po’”.

“Lo show che tutti aspettano sta per tornare, con l’edizione più musicale di sempre. Al tavolo della giuria di X Factor quattro icone della musica, pronte a travolgervi con la loro determinazione e la loro energia, il fiuto del talento e la voglia di mettersi in gioco….Elio, Mika, Fedez e Skin , si raccontano per voi….state per incontrare la giuria più grintosa, internazionale, musicale di sempre…”

[adsense]

Alessandro Cattelan è stato presente in tutte e quattro i momenti e, scherzosamente, ha così giustificato l’idea “geniale” del divano: “Volevo fare quattro chiacchiere con i nuovi giudici di X Factor, ma come tutti i musicisti affermati sono piuttosto impegnati……… quindi ho deciso di portare a loro il mio divano….una sorta di se Maometto non va al divano, il divano va da Maometto”. 

[ad id=’21350′]

Cattelan: “Tortona sono 50′ minuti in treno….Milano ci sembrava quasi l’America, ci sembrava di dover fare le valigie. Da ragazzino Milano era una figata”

Fedez: “Anche per me…..io sono cresciuto nella periferia contigua ed adiacente a Milano..però gli anni dell’adolescenza non li ho vissuti a Milano……per me venire in centro era la gita della domenica, che andava fuori dall’ordinario. In realtà la zona che mi rappresentava di più era Duomo, San Babila del muretto…….negli anni successivi, l’agglomerato del muretto si spostava in una zona che noi rinominammo vietta ed era una via in Colonne di San Lorenzo….e li nascevano le prime sfide in freestyle, cosa che ci permetteva di fare spicci”.

Cattelan: “Tu hai sempre l’aria da imprenditore….come andavi tu nel tuo gruppo come freestyle?”

Fedez: “Diciamo che a Milano, nonostante io non sia celebre per le sfide di freestyle perché su YouTube ce ne sono tre dove faccio solo figure di m…., però in realtà, ai tempi che furono, c’era una triade, Io, Emis Killa e un altro ragazzo….eravamo i più forti…..noi eravamo riconosciuti come quelli del muretto….venivano ragazzi da Catania, Palermo, e si facevano delle grandi amicizie”.

Cattelan e Fedez parlano della nuova stagione X Factor 9

Cattelan: “Nella stragrande maggioranza dei casi i concorrenti di X Factor sono tuoi coetanei o anche più grandi”.

Fedez: “E’ una fase di imbarazzo, nel senso che, soprattutto l’anno scorso io vivevo un po’ il limite e la paura del non sentirmi all’altezza e soprattutto di non sentirmi autorevole nelle cose che dicevo…..perché il rap non è considerato un genere alto, di virtuosi…il pubblico è abituato a giudicare il talento vocale, il grande l’acuto, la grande estensione, il timbro…..quindi inizialmente mi sentivo una me…, un coglione”,

Cattelan: “Quest’anno ti senti più certificato?”

Fedez: “Mi sento coglione uguale….ma avendo vinto posso menarmela un po’”.

Cattelan: “X Factor da una botta di popolarità grande….tu ci sei arrivato prima…come l’hai vissuto?”

Fedez: “La verità è che il successo televisivo non è il successo discografico….rivendico molto quello che è stato il mio percorso. Il mio primo anno sotto major ho fatto due dischi di platino utilizzando soltanto web. Quando uscì Cigno Nero e fece il record delle visualizzazioni per quell’anno, la televisione divento una conseguenza e non la causa. Però è ovvio che ti da tanto…..prima in mezzo alla strada mi riconosco tutti….non solo le mie fan”

Cattelan: “Con Skin come ti sei trovato in questa prima fase del lavoro?”

Fedez: “Con Skin mi sono trovato bene. Lei è molto forte….. ha una faccia, una presenza che nonostante il limite della lingua arriva tantissimo”.

Classe 1983. Nonostante gli studi prettamente scientifici, Liceo Scientifico prima e Facoltà di Ingegneria dopo, ho continuato a coltivare quelle che sono le mie vere passioni, facendo emergere, tra le altre cose, un lato artistico. Le mie giornate durano in media 19 ore, escludendo le ore di sonno. Appassionato di tv (talent e reality in primis), serie tv e teatro, ho collaborato con diversi blog televisivi: InsideTv, Magazinet e Teleblog, pubblicando il Volume #0 di "UN ANNO CON IL SERIAL CLUB".