X Factor – Lorenzo Fragola si racconta: “cerco di non cambiare….Sanremo? Sarebbe grandioso ma…ancora non so niente”.

0

 Lorenzo Fragola si racconta: “Sanremo? Sarebbe grandioso ma…ancora non so niente”

Era il vincitore annunciato! Dalla sua prima Audizione, il pubblico di X Factor lo ha amato perché, quel ragazzo con la felpa blu aveva incuriosito tutti quanti con la sua semplicità e la sua faccia pulita. Timido, estroverso a modo suo, si è presentato davanti ai giudici con  un microfono e una grande canzone: “Che Cosa Dicono Le Nuvole” di Domenico Modugno. I giudici, emozionati dal momento e, notando la bravura di Lorenzo, non si sono accontentati e gli hanno chiesto qualcosa di diverso e hanno voluto ascoltare il suo inedito, oggi edito, che allora aveva un titolo diverso: “One day we’ll be fine”.  Il resto della storia lo conoscete, ma per conoscerlo meglio e per capire qualcosina in più dei suoi progetti futuri, vi lasciamo leggere le sue dichiarazioni.

Qual è stata la qualità che secondo te ti ha fatto vincere?

Non lo so… [ride]. L’unica cosa che ho sempre cercato di fare è di non cambiare. E’ facile cambiare qui dentro, siamo sottoposti a delle pressioni, a voci, diciamo a tutto un insieme di cose, qundi secondo me rimanere sempre se stessi.

Tu hai fatto un provino ed è andato male, com’è stata la reazione a quel “fallimento”? Cosa hai detto quando sei tornato a casa? E a che punto dei provini sei stato escluso?

Al primo! Mi ricordo che sono arrivato e stavo tremando, avevo proprio paura, quindi probabilmente il grande problema era il fatto di non essere pronto; trovarsi a far sentire la propria voce, la propria musica davanti a delle persone e non si è abituati a farlo è un impatto molto forte. Mi ricordo che la delusione era tanta però poi mi sono riscritto, quanto meno avrei dovuto riprovarci.

Che ci puoi dire sulle voci che circolano riguardo una tua lorenzo fragola conferenzapartecipazione a Sanremo?

Sanremo è sicuramente una grande vetrina e chiunque vorrebbe partecipare. Parteciparvi sarebbe grandioso ma ancora non so niente!

Anche perchè si da ormai per certa la tua partecipazione e si vocifera che tu abbia già un brano pronto…

Si dicono tante cose però io non ne so niente! [Ride] Chiedete a chi l’ha detto… non so che dire!

Con chi ti piacerebbe duettare? Facci un esempio

Penso a tutti piacerebbe duettare con qualche mostro sacro, nel mio caso non ce n’è solo uno però se dovessi scegliere direi, più che altro mi piacerebbe proprio conoscerlo, Stromae, perchè mi piace il fatto che le sue esibizioni sembrano opere teatrali, per come si presenta sul palco, le sue canzoni, il modo in cui balla, è tutto molto bello.

Qual è stata l’interpretazione che ti ha soddisfatto di più?

Quella di De Andrè, perchè avevo affrontato una settimana difficile, avevo paura del tipo di approccio al brano anche perchè è stato difficile, per me, renderlo mio senza andare a modificarlo minimamente, però avevo paura di cadere nella “semplice” interpretazione. Quindi di questa interpretazione sono soddisfatto perchè alla fine sono riuscito a farlo nonostante tutte le paure.

Ci dici un po’ com’è nata The Reason Why, come l’hai scritta, per chi l’hai scritta…

Ero al mare con gli amici e ho iniziato a suonare degli accordi, poi la prima strofa si è praticamente scritta da sola, è venuta da sè, poi tornato a casa l’ho sistemata. L’ho scritta quando ero più piccolo poi man mano l’ho sistemata con quello che provavo realmente. Non è dedicata a nessuno, se posso permettermi la dedico a me stesso perchè è un brano che sento molto.

Un giudizio sui giudici?

Victoria: la prima cosa che noti è che è proprio una bella persona. Si interessava, veniva al loft, ci spiegava cosa migliorare anche se non era il nostro giudice. Non è da tutti, dal punto di vista umano è davvero una bella persona.

Morgan: non ho avuto modo di conoscerlo come persona, quindi non posso dare un giudizio a livello umano, però come giudice posso dire che ha coscienza di cosa sta facendo, nel bene o nel male.

Mika: E’ sicuramente quello che ha la vita più impegnata [tra i giudici] e quello “più stressato” nonostante ciò non ha mai fatti “la diva”; è sempre stato in contatto con noi, ci ha sempre trattato con rispetto nonostante lui sia Mika. Davvero una bellissima persona e soprattutto un grande artista.

Beh, che dire... Amo le Serie tv, il Cinema e il Design... ah, anche mangiare, ma questo è un altro discorso. Scrivevo, scrivo e penso che continuerò comunque a farlo nonostante il tempo tiranno. Sono ovunque, in ogni sezione c'è del mio, come una pianta infestante in pratica. In passato, come molti colleghi presenti su dituttounpop, ho preso parte al progetto editoriale "Un anno con il Serial Club". Membro fondatore della #bandadellapellicola Non siate timidi e per comunicati, eventi, news scrivetemi! l.lemma@dituttounpop.it