#XF8 – Intervista a Virginia Veronesi, la ragazza che canta “Try” nello spot di X Factor 8.

1

Virginia Veronesi

Virginia Veronesi, di Lodi, nasce 22 anni fa a Cesena. Ha iniziato a studiare canto all’età di quattro anni e  ha iniziato “a parlare e a cantare insieme“, come lei stessa ci ha raccontato nel corso dell’intervista. Dopo otto anni di canto classico (tra studio e solfeggio), ha deciso di passare al canto moderno. Dopo il Liceo, si è diplomata in una Accademia di Musical a Milano nel 2012 e da un paio di anni sta cercando di muoversi nell’ambiente artistico.

Abbiamo deciso di intervistarla dopo averla vista e ascoltata nello spot dell’ottava edizione di X Factor e l’abbiamo raggiunta telefonicamente, vista la distanza. Una chiacchierata piacevole con un’artista, ma prima di tutto con una persona, che ha voglia di parlare del suo lavoro con l’umiltà e la semplicità che occorrono per affrontare questo lavoro. Come canta nello spot, sulle note della bellissima canzone di Pink,Try“, Virginia vuole “provare” a vivere quello che è il suo sogno: “cantare”. Lo dice con un filino di voce, perché se Pink lo urla con tutte le sue forze, Virginia lo vuole fare rispettando i tempi senza bruciare tappe e vuole viversi questo momento senza troppe aspettative ma, con la consapevolezza di essersi trovata in un meccanismo televisivo che tanto può offrirti nell’immediato, ma allo stesso tempo può anche distruggerti.

clicca qui per il video dello spot

[adsense]

Prima di iniziare l’intervista vera e propria, ci tiene a salutare e a ringraziare, come è doveroso che sia, tutte le persone che le scrivono sulla sua pagina Facebook.

Hai partecipato ad alcuni musical.  Ti senti più a tuo agio, ad essere attrice o cantante?

Cantare è sempre stato il mio pallino sin da piccola e probabilmente ho anche più abilità ed esperienza. La recitazione l’ho studiata attraverso laboratori e poi l’Accademia ma il cantare è sempre stato il mio obiettivo principale.

Come è arrivata la proposta di girare lo spot di X Factor 8?

Mi ha girato il casting il mio direttore di Accademia. Ho fatto le due selezioni e poi mi hanno scelta………. è stato un percorso molto semplice.

Qualcuno ti ha definito la prima vincitrice di questa ottava edizione e forse lo sei veramente dato il successo che sta riscuotendo lo spot. Ti senti privilegiata in qualche modo rispetto ai ragazzi che invece dovranno o che hanno partecipato al programma?

Non ci ho mai pensato in realtà perché tutto questo successo io non lo percepisco ancora, nel senso che ho notato che c’è grande visibilità e grande risposta da parte delle persone. Ovviamente non è un lavoro come gli altri, perché è più appagante, ma non mi sono mai sentita una diva. Privilegiata no. Ho fatto semplicemente un percorso diverso. Le persone che probabilmente verranno scelte avranno sicuramente un percorso più intenso.

Sei molto giovane come i tanti ragazzi che partecipano ai talent. Se dovessi scegliere la carriera o il percorso artistico di uno di loro, quale sceglieresti e perché?

All’inizio non ero molto pro-talent. Immergendomi però in questo mondo ho capito che è una delle poche possibilità per fare questo di lavoro e vivere di questo. Non ho mai avuto dei grandi miti, tipo Chiara, Michele…..personaggi che sono usciti dai talent. Ho altre idee di artisti che ammiro a livello artistico. Come persone, ho avuto il piacere di conoscerli e sono stati gentilissimi. Tra quelli che ho conosciuto, la Francesca Michelin, mi ha colpito di più, mi sembra anche una che può assomigliare a me, all’idea del percorso artistico che uno vuole fare.

Come di consuetudine, oltre a ricevere complimenti ti sarà capitato di ricevere qualche critica. Il popolo del web è sempre pronto a scatenarsi in queste occasioni. Qualcuno critica la pronuncia non perfetta dell’inglese, qualcuno fa notare che non hai voce e qualcuno si limita a scrivere “A me non piace peggggnente” (cit.). Come reagisci a queste critiche e se vuoi rispondere. 

In realtà sempre per essere semplice come sono, anche a me è capitato di leggere qualche critica e la prima volta ho detto finalmente qualcuno che mi critica. Tutti mi dicevano meraviglioso, fantastico però volevo anche un po’ di sostanza. Ascoltando l’effetto sull’inglese sono la prima ad aver detto oddio….non sono madrelingua e non ho una pronuncia perfetta… però bisogna vedere tutto il quadro generale. Mi fanno sorridere e simpatia perchè  hanno ragione anche loro, non dicono niente di così strano.

Il popolo del web chiede a “gran voce” la diffusione della cover completa del brano. Riusciremo ad ascoltarla in futuro e da chi è stato composto l’arrangiamento?

(Ride). Io spero e sto cercando in tutti i modi il modo di poterla fare. E’ un problema di richieste con SKY. Appena mi daranno l’ok mi metterò all’opera. Sarebbe molto molto carino riuscire a registrare qualche minuto in più. L’arrangiamento è stato pensato e realizzato dal genio Gaetano Cappa, conosciuto nel mondo televisivo come il vocal coach di Morgan. Lui ha stravolto l’idea che voleva dare Pink realizzando qualcosa di magico.

Se dovessi scegliere altre 7 canzoni da inserire in un EP di esordio, quale sceglieresti?

Adoro alla follia le canzoni di Sara Bareilles. Elisa è un’altra artista meravigliosa, amo tantissimo Erica Mou, Carmen Consoli. Il cantautorato italiano mi piace molto.

Se poi dovessi scegliere delle canzoni allora scegliere, I Choose You e Chasing The Sun di Sara Bareilles, di Carmen Consoli le canterei tutte e poi, una carinissima, che è Rather Be nella versione di Clean Bandit.

Progetti futuri?

Sto cercando di sfruttare questa onda muovendo qualche passo un più. Quello che vorrei è proprio riuscire a vivere di questo, che sia la musica o il musical, vivere di questo. Se questa opportunità, questa visibilità mi può permettere di avere una spinta in avanti perché no?

Parteciperai a qualche talent?

Al momento no.

Ti vedremo in qualche puntata di XF8?

Ancora non so…..è da definire.