Home TV Dazn prezzi, svolta sulla condivisione degli abbonamenti, le nuove regole

Dazn prezzi, svolta sulla condivisione degli abbonamenti, le nuove regole

il logo di dazn sky
Credit: Dazn Italia

Dalla prossima stagione della Serie A, Dazn sarà visibile su dispositivi anche fuori dall’ambito domestico, ma si dovrà pagare di più. Ecco i prezzi di Dazn.

Se ne parla già da novembre 2021 quando Dazn aveva intenzione di bloccare la condivisione dell’abbonamento tra persone che si trovano in ambiti domestici diversi. Tutto era rientrato per la stagione che si è appena conclusa, ma la questione è sempre rimasta sul tavolo dell’azienda. La nuova stagione della Serie A inizierà il 14 agosto 2022 e Dazn adesso ha definito le nuove regole per la condivisione e i nuovi prezzi degli abbonamenti.

Restano ancora da definire i dettagli dell’accordo tra Tim e Dazn, che prevedeva per la prima l’esclusiva commerciale, tagliando fuori tutti gli altri operatori. Secondo il Sole24Ore le due aziende sono ancora in trattative, ma pare si stia lavorando alla rimozione dell’esclusiva, ma ne sapremo di più a breve. Intanto vediamo cosa prevedono le nuove regole e i nuovi prezzi di Dazn per la Serie A 2022/23:

La condivisione è concessa, ma bisognerà pagare di più

L’argomento della condivisione degli account fuori dall’ambito domestico è di vitale importanza per ogni tipo di servizio streaming. Anche Netflix ha dichiarato di aver intenzione di intervenire a riguardo. La condivisione è sempre vietata dalle condizioni contrattuali dei servizi streaming, ma in qualche modo era anche tollerata perchè era un modo per far conoscere le piattaforme a più utenti. Per Dazn il problema era ancora più grosso visto il valore dell’investimento sui diritti della Serie A (840 milioni a stagione), a cui si aggiungevano i timori della Lega Serie A, secondo la quale il prodotto veniva così svalutato.

Dalla prossima stagione, Dazn costerà 29,99€ al mese e le partire si potranno vedere in contemporanea solo nella stessa abitazione, utilizzando la stessa rete. Si potrà comunque condividere l’abbonamento con persone all’esterno del proprio nucleo, ma in questo caso l’abbonamento costerà 39,99€ al mese (Dazn Plus). A chi è già abbonato Dazn sta inviando una mail in cui spiegherà le nuove condizioni, e darà la possibilità di recedere come previsto dalla normativa. Chi aveva aderito all’offerta a 19,99€ fino a settembre, continuerà a pagarli fino alla scadenza a settembre 2022, poi varranno i prezzi di cui sopra, se non si disattiva l’abbonamento.

- Pubblicità -

E se un componente del nucleo famigliare va in vacanza?

Dalla mail inviata ai già abbonati apprendiamo che in entrambe le versioni si potranno registrare solo due dispositivi, cambieranno le modalità di condivisione. Ecco come viene spiegato nella mail:

Da settembre 2022 (giorno variabile a seconda della data di addebito del tuo abbonamento) ti sarà possibile registrare fino a due dispositivi all’APP DAZN e potrai guardare i nostri contenuti in contemporanea da entrambi i dispositivi se connessi alla rete internet della tua abitazione (cavo o wi-fi: fibra, xDSL, FWA). Potrai comunque sempre utilizzare DAZN in mobilità ma non mentre viene utilizzato l’altro dispositivo registrato. L’account DAZN è personale e non può essere condiviso. Solo chi vive con te può usare il tuo account DAZN, secondo le modalità prescritte.

Quindi, nella versione classica che costa 29,99€ se anche solo uno dei membri del nucleo è in vacanza per qualche giorno, non potrà guardare una partita in contemporanea se intanto a casa qualcuno sta già usando l’altro dispositivo registrato. Sarà quindi necessario passare alla versione Dazn Plus. Un problema sicuramente per chi si allontana temporaneamente dall’abitazione. Di fatto Dazn diventa un abbonamento per la casa, perdendo, anche se solo in alcune occasione, la semplicità d’utilizzo che ha fatto la forza dei servizi streaming: “il dove vuoi”, per quella bisognerà pagare un surplus.

I prezzi di Dazn per la Serie A 2022/23

Ecco quindi un riepilogo immediato dei nuovi prezzi e delle nuove regole sulla condivisione:

- Pubblicità -
  1. 29,99€ al mese e visione in contemporanea su due dispositivi nella stessa casa;
  2. 39,99€ al mese e visione in contemporanea su due dispositivi anche al di fuori dell’ambito domestico.