Fuori era Primavera il documentario di Salvatores introdotto da Le Parole della Settimana

Fuori era primavera

Le Parole della Settimana di Massimo Gramellini introduce il documentario Fuori era Primavera di Gabriele Salvatores sabato 2 gennaio su Rai 3

Puntata speciale di Le Parole della Settimana sabato 2 gennaio su Rai 3 alle 20:30. Un’incursione durante la pausa natalizia con una puntata speciale che sarà un best of della seconda metà del 2020 le puntate autunnali del programma.

Interviste, racconti, storie, sorprese, momenti di leggerezza e altri di riflessione che, sintetizzati in “parole”, hanno consentito al programma di raccontare l’anno appena concluso. In coda al programma un dialogo tra Massimo Gramellini e Gabriele Salvatores per introdurre il suo film documentario Fuori era Primavera in onda alle 22.

Fuori era primavera il documentario sul lockdown

Sabato 2 gennaio alle 22:00 su Rai 3 andrà in onda Fuori era Primavera il film collettivo che racconta il lockdown firmato da Gabriele Salvatore e già disponibile su RaiPlay in streaming.

Presentato alla Festa del cinema di Roma, prodotto da  Indiana Production con Rai Cinema, Fuori era primavera è un intimo racconto degli italiani in lockdown: dalle meravigliose piazze italiane vuote, agli eroi in prima linea nelle corsie degli ospedali, ai balconi in festa, alle riprese domestiche. Una testimonianza collettiva filtrata attraverso la regia e la visione di un grande artista che, con un vero e proprio film documentario, restituisce alla nostra futura memoria una fotografia autentica e completa dell’Italia di oggi.

“Quando abbiamo deciso di dare il via a questo progetto era durante il primo lockdown. Abbiamo chiesto a chiunque avesse voglia di partecipare, di aiutarci a raccontare quello che l’Italia stava vivendo – afferma Gabriele Salvatores – La situazione era molto diversa rispetto a quella attuale. Spero che chi vedrà il film possa sentire quel senso di solidarietà e vicinanza che ci ha accompagnati durante il primo lockdown, di cui forse abbiamo ancora più bisogno in questi giorni e settimane di feste così diverse da quelle a cui siamo abituati. Con la speranza che la prossima primavera possa essere un momento più sereno per tutti.”