Homeland su 20 per la prima volta in chiaro

0
Serie tv rinnovate e cancellate Homeland Ray Donovan

Homeland arriva in chiaro per la prima volta su 20

Mentre nel 2019 negli Stati Uniti e su Fox in Italia in pay tv potremo assistere all’ottava e ultima stagione, Homeland arriva da domenica 26 agosto per la prima volta in chiaro su 20, il canale di Mediaset dedicato a film e serie tv. 

A 7 anni di distanza dalla prima stagione (6 considerando il debutto italiano) Homeland arriva quindi anche in chiaro, con due episodi a settimana, dalla prima alla quinta stagione, 60 episodi senza soluzione di continuità. Una sorta di mini-maratona domenicale per chi non ha avuto modo di vederla su Fox e per chi l’ha sentita nominare ma non ha mai avuto modo di vederla.

Una spy story adrenalinica che stagione dopo stagione ha la capacità di rinnovarsi, cambiando ambientazioni, scenari e protagonisti con tanti volti da Mandy Patinkin a F. Murray Abraham, Morena Baccarin o Rupert Friend e un’assoluta protagonista Claire Danes nei panni di Carrie Mathison agente della CIA affetta da disturbo bipolare. 

Una lunga corsa di 5 stagioni che parte con il ritrovamento di un soldato americano Nicholas Brody, interpretato da Damian Lewis, dato per morto e che torna dopo 8 anni di prigionia in Iraq. Un eroe di guerra o il suo ritorno nasconde altro? Una prima stagione sul filo della tensione per una delle migliori serie tv degli ultimi anni, capace di alti picchi, di cadute ma anche in grado di risollevarsi.

Un arrivo in chiaro su un canale digitale e tematico che dimostra come le serie tv ormai hanno infiniti sbocchi e modalità di visione, dallo streaming alla pay tv. Un po’ come il recente sbarco di The Americans su Rai 4 in parallelo alla sua conclusione, un piccolo capolavoro che difficilmente supera i 100 mila spettatori a serata sulla tv in chiaro. In fondo è normale, il mondo è cambiato, la tv anche e le serie tv allo stesso modo: c’è ancora spazio sulla tv in chiaro per serie tv così complesse nel mare di procedurali (che non brillano più come in passato)? Certo l’esempio di The Good Doctor su Rai 1 che tra la forza del canale e dei suoi buoni sentimenti è stata in grado di imporsi in prima serata, anche se in estate, è una lezione che i nostri dirigenti dovrebbero imparare.