Intervista a Loredana Errore: “Luce Infinita è il mio atto di fede”

Intervista a Loredana Errore

Intervista a Loredana Errore: abbiamo voluto scambiare qualche battuta con la giovane cantante per farci raccontare qualcosa di più su “Luce Infinita” e sui progetti futuri

Si chiama Luce Infinita il nuovo album che segna il ritorno di Loredana Errore e debutta al 5° posto della classifica ufficiale Fimi degli album più venduti.


Anticipato dal singolo Nuovi giorni da vivere, scritto da Amara, Diego Calvetti, Emiliano Cecere, Marco Ciappelli, Pacifico Settembre, l’album premia l’attesa dei fan che sono sempre stati vicini alla Errore anche durante la lunga assenza forzata dal grave incidente che l’ha tenuta lontana dalla scena musicale.

Abbiamo intervistato Loredana Errore per chiederle di raccontarci qualcosa di più su questo nuovo lavoro e sui progetti futuri.

Loredana, iniziamo dalla copertina del tuo nuovo disco “Luce Infinita”. Ci sei tu con un occhio struccato e un occhio truccato di bianco e nero che richiama alla mente il concetto di yin e yang. Ci spieghi il motivo di questa scelta?

Ho attinto semplicemente dalla mia esperienza di vita. Ho vissuto un periodo abbastanza particolare e con il bianco ho espresso l’essere partita da quella fase un po’ down per poi ritrovare un concetto di vita, di ripresa.

Il bianco e il nero sono le due forze cioè il bene e il male. Sono complementari quindi l’uno ha sempre bisogno dell’altro per nascere, morire, riciclare energie.
Invece l’altro occhio, quello nude, rappresenta la luce infinita.

Il video del singolo “Nuovi giorni da vivere” sembra essere fortemente autobiografico poiché ci sono scene che rimandano all’incidente di cui purtroppo sei stata vittima. Ci spieghi com’è nata l’idea di questo video?

Tutto nasce dalla scelta del singolo. Nuovi Giorni da Vivere inglobava e descriveva tutto quello che magicamente mi era successo. C’è poi stata un’elaborazione da parte del regista e da parte della produzione che hanno preso in considerazione il mio incidente e l’hanno adattato a quelle parole che quasi descrivevano in maniera autobiografica quanto successo.
In ogni caso tutto quello che è accaduto è veramente, puramente, casuale. Che poi di casuale non c’è nulla. Tutto è venuto man mano non c’è stato niente di costruito, anzi.

Ascoltando il singolo sembra che la tua voce sia diversa, più matura e intensa. È cambiato il tuo modo di cantare e di fare musica?

No, non penso. Alla fine è talmente particolare e personale lo studio della voce che si adatta al tuo corpo, agli eventi, alle esperienze e la voce di oggi è il frutto di tutto questo. Sicurqmente con qualche anno in più ma anche con più esperienza alle spalle.

I tuoi fan ti sono sempre rimasti accanto. Che rapporto hai con loro?

È un rapporto che nasce con la mia partecipazione ad Amici. Da allora molti di loro non si sono più staccati e siamo cresciuti insieme. Il nostro è un rapporto di crescita, d’insieme, basato sulla verità, sull’educazione, sulla gioia, sul divertimento. Sicuramente ognuno di noi ha una morale da insegnare all’altro.

Hai collaborato e duettato con artisti importanti come Loredana Bertè, Biagio Antonacci, Pino Daniele, Lucio Dalla e altri. C’è qualcuno in particolare con cui sogni di lavorare un giorno?

Ho avuto tante soddisfazioni che colleziono nel mio cuore, una più speciale dell’altra. Però non mi sento di dirti con chi vorrei duettare perché per me farebbe parte di una magia per cui non ho la preferenza o l’arroganza di dire “vorrei duettare con” . Tutti i duetti sono importanti però in questo momento sto concentrando le forze su me stessa quindi tutto quello che verrà sarà sicuramente qualcosa di buono e frutto di un lavoro ben fatto.

Questa spiritualità mi è facile perché sono grata a Dio. Tutto quello che arriva è così immenso, così benedetto, che alla fine è bello apprezzare ciò che accade ed è qualcosa di molto affascinante se si pensa alla vita, agli incontri, alle persone.

Se parliamo di fede si può dire quindi che questo tuo nuovo album è un atto di fede nei confronti della vita.

Si, decisamente. Credo che questo mio rimettermi in gioco mi abbia aiutato e abbia aiutato il cielo a unire e riunire degli elementi che oggi mi fanno davvero pensare a questo come un atto di ringraziamento verso Dio perché ti dico la verità, seppur con molto dolore nel cuore, avrei smesso tranquillamente. Però poi, alla fine, la musica ritorna sempre più potente nella mia vita e incoraggiata da mille altre cose ho deciso di cominciare e riprovare. Nella mia vita e nelle mie scelte contano molto i miei genitori, le persone che incontro ma soprattutto la fede. È quella dimensione, quel credo, che mi fa andare avanti in tutto e per tutto. Senza questa condizione non credo che io potrei essere quella che sono oggi.

Loredana ci sarà un tour e possiamo sperare di vederti alla prossima edizione del festival di Sanremo?

Guarda, con Sanremo hai toccato il mio punto debole. Sanremo per me rappresenta il mio sogno più grande e non desideravo una cosa così credo dai tempi di Amici. Se andrà, andrà. Altrimenti va bene lo stesso ma sicuramente ci resterei un po’ male se confrontato con tante altre parti della mia vita. E nei prossimi mesi sicuramente mi vedrete live stiamo cercando il momento migliore per far partire questo tour.

Loredana Errore è tornata con la sua inconfondibile voce e a noi non resta che lasciarci conquistare dalle emozioni di Luce Infinita.