Joe Bastianich al Teatro Parenti di Milano con Vino Veritas, tutta la verità nient’altro che la verità

©_ANGELO_TRANI

Joe Bastianich al Teatro Parenti di Milano con Vino Veritas da questa sera, ogni lunedì, per un totale di dieci appuntamenti

Joe Bastianich canta. Avete letto bene, Joe Bastianich canta e accompagnato dalla chitarra e da una band composta da Gabriele Tirelli (chitarra), Lorenzo Ferrari (batteria) e Daniela Savoldi (violoncello), si racconta.

Si chiama Vino Veritas il viaggio alla scoperta della parte più intima del famoso restaurant man e va in scena a partire da questa sera ogni lunedì e per un totale di dieci appuntamenti al Teatro Parenti di Milano.

Un’ora e mezza per uno spettacolo che non ha l’ambizione di essere una pièce teatrale ma ricorda più una chiacchierata in compagnia di amici dove la musica culla il racconto mentre si sorseggia un buon bicchiere di vino per rilassare mente e corpo.

Con schiettezza e sincerità Joe Bastianich si racconta al pubblico svelando attraverso aneddoti e racconti inediti la persona e non solo il personaggio mentre in sala si potranno degustare i vini firmati Cantina Bastianich serviti negli eleganti calici da degustazione targati Luigi Bormioli personalizzati per l’occasione e che verranno regalati agli ospiti in sala. Sul palco il fascino del mito, quello delle chitarre Gibson, conquista dettando il ritmo di un racconto dove non ci sono filtri ma emotività nuda e cruda.

Per Vino Veritas, Bastianich scrive e interpreta una decina di brani in inglese e italiano e sceglie la musica, sua grande passione insieme al vino, come mezzo per aprire il proprio spazio privato alle persone presenti in sala accompagnandole in un viaggio tra le pieghe più intime del suo vissuto.

Vino Veritas però non è solo il diario segreto di Joe Bastianich che diventa materia collettiva ma è anche un invito a cercare confronto tra lui e il pubblico attraverso il canale più utilizzato del nostro quotidiano: il social network. Joe si appella alla possibilità del web di condividere in maniera anonima pensieri e opinioni attraverso messaggi diretti che verranno poi letti sul palco durante tutto lo spettacolo di Vino Veritas tanto da avere il potere di influenzarne lo svolgimento permettendo così di creare momenti eccezionali perché irripetibili.

Scrisse un tempo Charles Baudleire: “È ora di ubriacarsi! Per non essere schiavi martirizzati del Tempo ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare”.
Forse l’eclettico Joe Bastianich ha pensato che all’elenco mancasse l’elemento fondamentale: la verità.