No Offence: su FOX Crime arriva in prima tv il crime inglese inglese in 8 puntate

No Offence su Fox Crime

No Offence su FOX Crime: da oggi arriva in prima tv la serie inglese di Channel 4, in otto puntate.

No Offence su Fox Crime – Con la firma prestigiosa di Paul Abbott, autore di serie di culto come Shameless (protagonista William H.Macy nominato ai Golden Globe e agli Emmys) e Hit and Miss (con Chloë Sevigny nei panni di un transessuale) arriva su FoxCrime l’8 dicembre in prima visione assoluta la serie inglese No Offence, ogni giovedì alle 21:00.


No Offence (già rinnovato per una seconda stagione) è un poliziesco che non ha paura di affrontare argomenti controversi con personaggi eccessivi ma allo stesso tempo totalmente realistici. Le otto puntate trasmesse in Gran Bretagna su Channel 4 hanno totalizzato quasi tre milioni di spettatori e la serie ha avuto successo (inusuale per un crime inglese) anche in Francia.

Nel dipartimento di polizia di un quartiere malfamato di Manchester le protagoniste sono tre donne. Il capo è Vivienne (Joanna Scanlan, già vista in The Thick of It e Getting On), poliziotta dallo humour spregiudicato e fuori dagli schemi che dà vita alle gag più grottesche poi c’è Joy (Alexandra Roach, in Iron Lady era la giovane Thatcher), timida e nervosa ma appena promossa a sergente per le sue qualità. Infine Dina, (Elaine Cassidy, Harper’s Island) che ha appena scoperto il nesso tra le sparizioni di alcune ragazze affette da sindrome down ed è sulle tracce di un serial killer.

Mentre l’indagine va avanti ogni barriera del politicamente corretto cade, senza che questo intacchi la drammaticità degli eventi narrati in una Manchester cupa e grigia. Il ritratto pungente delle tre donne si distingue per un sense of humour irriverente che alleggerisce il soggetto losco e violento. La commistione di comico e tragico  è coraggiosamente reale, con un tono autentico che ricorda la tradizione del miglior cinema inglese, da Mike Leigh a Ken Loach, fino alla recente serie tv Happy Valley.

No Offence è stata nominata migliore serie drammatica ai Bafta Awards 2016.