Bodyguard, la serie tv con Richard Madden che ti incolla e non ti molla [Recensione]

Recensione Bodyguard stagione 1

Recensione Bodyguard stagione 1: la serie BBC con Richard Madden ti incolla allo schermo e non ti lascia andare, anche se non è perfetta.

Bodyguard è una delle ultime produzioni inglesi, andata in onda in estate su BBC One, ottenendo un grande riscontro di pubblico. La serie è stata poi distribuita su Netflix in tutto il mondo, dal 24 ottobre, dove è disponibile tutta la prima stagione composta da 8 episodi, anche in Italia. Recensione Bodyguard stagione 1

Ambientata tra le mura del potere, Bodyguard racconta la storia di David Budd, interpretato da Richard Madden (Game of Thrones), un veterano di guerra che adesso lavora come guardia del corpo per la RasP, una divisione della polizia metropolitana di Londra.

Quando David viene assegnato a un politico in ascesa, Segretario di Stato Julia Montague, si troverà a decidere se continuare a fare il suo dovere di protettore, o dare spazio ai suoi ideali.

Recensione Bodyguard stagione 1: i nostri commenti 

Decifrare Bodyguard dalla trama non è così immediato, alla fine la si inizia perchè è inglese e perchè c’è l’attore che conosciamo, poi se si è appassionati di serie tv politiche con complotti non c’è neanche da pensarci troppo. Ma se la trama non aiuta, la serie recupera nei primi venti minuti dell’episodio: minuti che scorrono velocemente. La serie ti coinvolge con una semplicità mostruosa, come solo i thriller inglesi sanno fare. In fin dei conti in quei 20 minuti non succede nulla, niente effetti speciali, niente sparatorie. Solo due persone che parlano su un treno. E una volta passati quei venti minuti, il gioco è fatto, ti ritrovi a fine stagione. E’ questo l’unico motivo per guardare Bodyguard, è intrattenimento puro, quella serie tv che si cerca per la domenica pomeriggio, quella serie tv che fa scelte coraggiose. Ha anche dei difetti ovviamente, tipo un personaggio principale mono-espressivo, ma a chi importa? Alla fine la funzione base di una serie tv è quella di intrattenere, e questa lo fa in un modo esemplare.

Davide Allegra – Voto 7

Ti incolla e non ti molla abbiamo scritto nel titolo.

Potrà sembrare banale ma è il segreto di Bodyguard una serie tv inglese, che ti conquista e poi non ti lascia più andare, come il peggiore dei secondini. Come tutte le serie tv inglesi, ancor più di quelle americane da vedere strettamente in lingua originale per poter cogliere le diverse sfumature della loro lingua e soprattutto per non perdersi i numerosi M’am che il personaggio di Richard Madden pronuncia a profusione (al punto che i bravissimi social BBC ci hanno costruito sopra una sorta di divertente gioco).

Una serie tv campione d’ascolti, ma anche fortemente criticata per il modo in cui dipinge gli islamici come terroristi al punto che Hasan Minhaj, nel suo show su Netflix, l’ha tacciata di essere islamofoba. Il tutto sulla BBC, il principale canale pubblico inglese, capace di realizzare un prodotto godibile, interessante, appassionante senza scadere nella banalità.

Un prodotto nazional-popolare, adatto a tutti ma che non disdegna la qualità. Non è una serie tv perfetta, anzi forse è l’esatto opposto, ma alla fine la guardi, ti appassioni e ti dimentichi anche della mono-espressione di Richard Madden, delle dinamiche politiche superficiali, di scenari di guerra portati nella tranquilla Londra con una naturalezza sorprendente. Non c’è retorica. Non è una serie tv costruita per tesi o per voler portare avanti un’idea. E’ intrattenimento, come è giusto che sia.

E funziona alla grande. Se ancora non l’avete vista la fortuna di averla su Netflix è che non dovrete aspettare settimana dopo settimana il rilascio delle puntate. Occhio a che ora la iniziate, quindi, perchè potreste ritrovarvi alla fine senza nemmeno accorgervene.
Riccardo Cristilli – Voto 7,5 (9 per la capacità di catturare lo spettatore)

Bodyguard: il trailer

Bodyguard: il cast

La serie è stata creata da Jed Mercurio (Line of Duty), che è anche produttore con Simon Heath della World Productions e Elizabeth Kilgarriff per BBC. La serie è stata co-prodotta con Netflix, che infatti l’ha distribuita in tutti i paesi, escluso il Regno Unito.

  • Richard Madden: Sergente David Budd
  • Keeley Hawes: Onorevole Julia Montague
  • Gina McKee: Comandante Anne Sampson
  • Sophie Rundle: Vicky Budd
  • Paul Ready: Rob MacDonald
  • Vincent Franklin: Mike Travis
  • Stuart Bowman: Stephen Hunter-Dunn
  • Nina Toussaint-White: Sergente Louise Rayburn
  • Stephanie Hyam: Chanel Dyson
  • Tom Brooke: Andy Apsted
  • Matt Stokoe: Luke Aikens
  • Pippa Haywood: Sovrintendente capo Lorraine Craddock
  • Nicholas Gleaves: Onorevole Roger Penhaligon
  • Shubham Saraf: Tahir Mahmood
  • Claire-Louise Cordwell: Agente Kim Knowles
  • Richard Riddell: Agente Tom Fenton
  • Ash Tandon: Ispettore capo Deepak Sharma
  • Michael Schaeffer: Richard Longcross
  • David Westhead: Primo ministro John Vosler
  • Anjli Mohindra: Nadia Ali
PANORAMICA RECENSIONE
Davide Allegra - Voto
7
Riccardo Cristilli - Voto
7.5
Siamo la redazione di dituttounpop... Lo sappiamo, sembra un'entità indefinita, una cosa brutta, ma tranquilli è sempre un umano a scrivere questi articoli... o meglio più di uno di solito. Per questo usiamo questo account. Per sapere chi siamo c'è la pagina "Chi Siamo" sopra nel menù, o in fondo... facile vero? Ci trovate anche sui social. Ciao.