Recensione Your Name. di Makoto Shinkai: un nome, una garanzia

Recensione Your Name.

Recensione Your Name.: un’opera sul legame, sul destino intrecciato di due persone dal sottile filo rosso e sull’amore

Ammetto, ho meditato prima di scrivere questa recensione perchè, magari, preso dall’entusiasmo e dalle emozioni post proiezione non sarei stato del tutto lucido e non avrei scritto altro che lodi su lodi sull’ultimo lungometraggio – ormai campione d’incassi – del maestro Makoto Shinkai, Your Name..


E niente, è bello; non ci sono storie. Non posso far altro che decantare la bellezza e la maniacale cura dei dettagli – marchio di fabbrica di Shinkai – di questo macchinoso ma estremamente affascinante racconto. Partiamo con ordine; la storia narra la strana interconnessione tra due giovani adolescenti giapponesi, Taki, un ragazzo di Tokyo, e Mitsuha, giovane studentessa di un piccolo paesino nell’entroterra nipponico. I due non hanno apparentemente niente in comune se non “scambiarsi” le vite, interagendo con il mondo che li circondano, durante i sogni.

Ovviamente per non fare spoiler non racconterò nel dettaglio le vicende della parte finale del film, ma possiamo dire che Your Name. si divide perfettamente in due; la prima parte dove vengono presentato i due ragazzi, come riescono ad aiutarsi e interagire tra di loro nonostante non si conoscano, e di come questo li lega in modo profondo, mentre nella seconda parte l’avvenimento cardine che destabilizzerà il rapporto dei due. Makoto Shinkai mette quindi in scena un’opera sul legame, sul destino intrecciato di due persone da quel sottile filo rosso (simbolo del destino e molto simbolico) forte nella visione nipponica e sull’amore come motore e forza capace di sfidare spazio e tempo. La bellezza di Your Name., oltre che per il modo dinamico e meticoloso in cui è raccontata la storia, è riscontrabile nelle fotografie paesaggistiche che il regista del sol levante dipinge nelle sue animazioni fluide e brillanti, proposte nel suo lungometraggio.

Possiamo quindi dire che Your Name. è quella rara perla nel mondo dell’animazione giapponese che tanto ci mancava e che non vedevamo da tanto, con questo film Shinkai ha dimostrato la sua maturità artistica – sia come regista che come sceneggiatore – surclassando lo scorso Il giardino delle parole [nota: nel film è presente una citazione alla traduzione italiana della pellicola scorsa, chiamando il ristorante italiano dove lavora Taki proprio Il giardino delle parole].

Per concludere, posso dire che il film di Shinkai lascia un sapore dolce amaro in bocca; un nodo allo stomaco nonostante un lieto fine e un senso di tristezza che ti pervade. Non manca nulla; folklore, tradizione e mitologia giapponese ma sopratutto sentimenti.

Your Name. sarà nelle sale italiane il 23, 24 e 25 Gennaio 2017 distribuito da Nexo Digital.