Speechless: la seconda stagione su FOX dal 25 maggio

ascolti tv usa venerdì 5 ottobre Recensione Speechless 2 su FOX

Speechless 2 su FOX: dal 25 maggio alle 21.50 parte la seconda stagione della comedy che gioca sugli stereotipi legati al tema dell’handicap

Speechless 2 su FOX – Fresca di rinnovo da parte di ABC (e di uno spostamento al venerdì nel palinsesto USA), Speechless torna in italia con la seconda stagione in prima tv su FOX (canale 112 di Sky) dal 25 maggio, ogni venerdì alle 21.50.

Speechless l’anno scorso fu definita “rivoluzionaria” dalle riviste americane Vulture e Indiewire e non solo per la firma prestigiosa di Scott Silveri uno dei produttori di FriendsSpeechless è una comedy anticonvenzionale che evita con l’arma dell’ironia tutti gli stereotipi e i sentimentalismi legati al tema dell’handicap, riuscendo a regalare preziosi momenti riflessione allo spettatore.

La serie ruota intorno alle vicende dei membri della famiglia Di Meo: Maya (Minnie Driver, nominata all’Oscar per Will Hunting) e Jimmy (John Ross BowieThe Big Bang Theory) e i loro figli: l’atletica Dylan, l’introverso Ray, e JJ, figlio maggiore dotato di uno spiccato senso dello humor e affetto da paralisi cerebrale. Il ragazzo (interpretato da Micah Fowler, che anche nella vita soffre della stessa patologia) non parla, ma comunica perfettamente con un laser che punta le lettere su una tastiera attaccata alla sua carrozzina.

E’ impossibile dubitare dell’autenticità di questa famiglia all’apparenza strampalata e spesso ci si commuove per la passione e l’impegno che dimostrano: i Di Meo non mollano mai e mal sopportano la commiserazione per la condizione di JJ. La formidabile mamma è perennemente in guerra con il politicamente corretto e pretende per suo figlio un’accettazione vera, non di facciata. Nella prima stagione fu esemplare la scena dell’arrivo del ragazzo nella nuova classe, accolto da un festeggiamento ingiustificato. Questo è tutto quello che la famiglia Di Meo non vuole: pietà o immotivato irrigidimento. E così Speechless riesce a parlare di handicap senza puntare il dito verso una società ancora inadeguata ma con la tenerezza e il sorriso che spesso diventa comicità irresistibile.

Nel primo episodio l’apertura del nuovo anno scolastico e la sorpresa di un biglietto per JJ da una ragazza conosciuta durante le vacanze estive in cui rivela di essersi presa una cotta per lui. Anche questo viene affrontato con naturalezza: il primo bacio è uno dei momenti indimenticabili nella vita di ogni adolescente e sarà così anche per JJ.