Biglietti Online: Marco Mengoni, Tiziano Ferro, Giorgia e Vasco Rossi contro la truffa del secondary ticketing

Truffa Biglietti Online

Truffa biglietti online: le dichiarazioni di Marco Mengoni, Tiziano Ferro, Giorgia e Vasco Rossi che condannano la truffa del secondary ticketing e rassicurano i fan

Dopo aver trattato l’argomento in occasione della vendita dei biglietti dei Coldplay, le Iene sono tornate sulla questione della truffa biglietti on line“. Andiamo con ordine: lo scorso 7 ottobre, su Ticketone, sono stati messi in vendita i biglietti del concerto dei Coldplay, dopo pochissimi minuti dall’apertura della vendita, a molti utenti che hanno provato ad acquistare i biglietti su Ticketone è apparsa la finestra che gli annunciava di essere nella “Sala d’attesa” del sito. In tanti, però, non sono poi riusciti a procedere all’acquisto perché poco più tardi i biglietti risultavano non più disponibili, qui tutti i dettagli sul servizio di Nicolò DeViitis.


Dopo aver sentito i responsabili di TickeOne e Viagogo, Le Iene, stavolta con Matteo Viviani, grazie a una complice che lavorava per una società di secondary ticketing, hanno fatto ulteriore chiarezza sulla situazione. A seguire trovate il video del servizio, e le dichiarazioni che alcuni cantanti hanno rilasciato dopo che la vicenda è venuta fuori:

Dopo il servizio sono arrivate le prime dichiarazioni dei cantanti che ovviamente hanno condannato la pratica, per primo Vasco Rossi su Facebook ha scritto:

“Dopo aver appreso dal servizio televisivo de Le Iene di un possibile coinvolgimento di Live Nation nella rivendita “secondaria” di biglietti per i concerti in Italia, Giamaica management comunica di avere attualmente sospeso ogni rapporto commerciale con Live Nation e si riserva di agire per vie legali essendo totalmente estranea a quanto emerso dal servizio giornalistico. Giamaica ritiene che l’attività di secondary ticketing, altamente speculativa, è da tempo riconosciuta come dannosa non solo per il pubblico ma anche per gli artisti che a loro insaputa e loro malgrado si ritrovano per errore coinvolti.”

Tiziano Ferro invece ha commentato così:

Sono sconcertato, amareggiato e fortemente indignato a causa dei recenti avvenimenti che coinvolgono Live Nation Italia. Vorrei concedermi alla rabbia e all’istinto del momento ma la verità è che non posso. La mia priorità sono le circa 150.000 persone che hanno già deciso di esserci durante il mio prossimo tour. Mi è stato assicurato e garantito che Live Nation non ha mai, oggi come in passato, immesso miei biglietti sul mercato secondario. Detto ciò prendo le dovute distanze da chi ha sbagliato, per loro ci saranno di certo conseguenze ma adesso ho solo una priorità: questo tour e i miei fan. Non possiamo fermarci, nonostante tutta la bruttezza che ci sta investendo.

Marco Mengoni, impegnato attualmente nello show prodotto da Live Nation, si dissocia completamente da qualunque forma di connivenza con il sistema di vendita illegale dei biglietti:

“Lavoro con Live Nation dal 2014 e né io né il mio management abbiamo mai avuto alcuna evidenza di irregolarità nella vendita dei concerti. Siamo sconvolti dall’accusa mossa da De Luca secondo cui gli artisti imporrebbero la pratica di vendita illegale di biglietti e dichiaro la mia assoluta estraneità ai fatti. Attraverso i nostri legali stiamo facendo le opportune indagini per la tutela dei diritti del pubblico e per verificare la massima trasparenza sullo svolgimento dei fatti”.

Dalla pagina facebook di Giorgia invece leggiamo:

Confermiamo in toto l’estraneità di Giorgia e di chi la rappresenta alla partecipazione di questa TRUFFA dichiarata dal presidente di Live Nation Italia, operata da Live Nation riguardante il “secondary ticketing”: MAI da qualcuno del suo staff,management o altro vicino a lei o dall’artista stessa è stata fatta richiesta per operare in questa maniera disonesta; e stiamo verificando che anche per il passato non siano state commesse irregolarità per quanto riguarda Giorgia.” Giampaolo Tabacchi di Mircrofonica