4 Hotel Bruno Barbieri in Alto Adige nella puntata di giovedì 3 giugno su Sky Uno e NOW

4 Hotel
- Pubblicità -

Bruno Barbieri 4 Hotel in Alto Adige giovedì 3 giugno, L’Altra Montaga su Sky Uno e NOW

Terza puntata del nuovo ciclo per Bruno Barbieri – 4 Hotel, su Sky Uno e in streaming su Now  giovedì 3 giugno. Questa settimana la sfida si sposta in Alto Adige per raccontare L’Altra Montagna. In Sud Tirolo, nella parte più austriaca dell’Italia, Bruno Barbieri si gode una montagna assolutamente inaspettata, quella senza sci e skipass, e va alla scoperta di tutto ciò che di “altro” si può fare nel bellissimo Alto Adige. Questa regione offre esperienze esclusive che non fanno per niente rimpiangere le piste da sci.

In questo nuovo ciclo di puntate si aggiunge la colazione come categoria tra cui votare per i vari albergatori e lo stesso chef Barbieri. In fondo anche nelle puntate precedenti il momento della colazione è sempre ricco di spunti e spesso determinante nella valutazione dei servizi dell’hotel. Da questa edizione, quindi, il voto per la colazione sarà separato.

- Pubblicità -

Gli hotel del 3 giugno

Scopriamo chi sono gli Hotel in gara nella puntata di 4 Hotel in Alto Adige:

  • Odles Lodge: diretto da Florian, giovane direttore che fa il check delle camere con la governante, composto da due chalet di lusso nel cuore della Plose, a pochi chilometri da Bressanone. All’interno ci sono quattro appartamenti dove si respira un’atmosfera moderna ma anche tradizionale, con l’obiettivo di offrire agli ospiti privacy e massimo relax. Nel 2018 questi due lodge sono stati premiati per la miglior architettura, capace di unire l’originalità altoatesina e il lusso della natura.
  • ImperialArt Hotel: boutique hotel nel centro storico di Merano gestito da Jutta, tedesca di origini ma con un calore tutto italian; un piccolo gioiellino art déco ridisegnato da quattro artisti locali, che hanno studiato, pensato e creato le 12 stanze come fossero opere d’arte. La pasticceria all’interno è aperta al pubblico.
  • Castel Hortenberg: è un castello del ‘500 nel centro di Bolzano, una dimora storica che unisce modernità e confort, gestita da Stefano originario di Benevento, afferma di essere l’unico direttore di hotel non altoatesino in tutto l’Alto Adige. È stato completamente ristrutturato e trasformato in hotel nel 2019, quando l’ultimo discendente della famiglia Hortenberg lo ha venduto. Le 25 camere hanno uno stile contemporaneo sebbene siano stati mantenuti gli elementi del castello.
  • Paradiso Pure Living: è il primo hotel vegetariano in Alto Adige, a 2000 metri di altezza, direttamente sulle piste da sci delle Alpi di Siusi gestito da Alexander che per molti anni ha vissuto negli USA. Ci sono 41 camere di stile minimal, di cui una è sempre occupata da un artista.

Il tavolo del confronto finale è stato registrato presso Castel Mareccio, a Bolzano.

La formula del programma

Oltre alla novità della colazione, non cambia la formula di 4 Hotel. Negli otto nuovi episodi gli hotel in gara, 4 per ogni serata, di diverse fasce di prezzo o categoria, si contenderanno il titolo puntando su tutto quello che secondo loro fa la differenza nella propria offerta. Nel rispetto del meccanismo di successo che ha reso questo show un cult, e che da oggi si arricchisce di un nuovo insidiosissimo livello di difficoltà.

Come sempre, l’esigentissimo e severo esperto di hôtellerie Bruno Barbieri e i concorrenti trascorreranno un giorno e una notte nei reciproci alberghi: dopo il check-in, sperimenteranno e metteranno alla prova accoglienza, stile, pulizia, eventuali servizi offerti dall’hotel e l’ospitalità di ciascun albergatore, la loro capacità di trasformare un semplice pernottamento in un’esperienza indimenticabile alla scoperta di un territorio.

L’indomani, dopo la colazione, faranno il check-out, dopodiché saranno chiamati a esprimere i propri giudizi che, da oggi, saranno su 5 categorie: i loro voti, da 1 a 10, valuteranno infatti locationcameraserviziprezzo e, per la prima volta, la colazione, il pasto che ogni albergo che si rispetti considera il suo fiore all’occhiello.

- Pubblicità -