A Casa Tutti Bene – La Serie la conferenza stampa: “stiamo scrivendo la seconda stagione”

A casa tutti bene
- Pubblicità -

A Casa tutti Bene la conferenza stampa della serie tv Sky in tv dal 20 dicembre

Gabriele Muccino e il cast presentano la serie tv A Casa Tutti Bene, rilettura del film omonimo del regista, trasformato in una serie in 8 episodi per Sky disponibile dal 20 dicembre per 4 settimane con due episodi a settimana, su Sky Serie e NOW oltre che on demand.

Muccino ha scritto la serie con Barbara Petronio, Andrea Nobile, Gabriele Galli e Camilla Buizza, Lotus Productions del Gruppo Leone Film Group ha prodotto la serie tv con Sky. Seguiamo in diretta le dichiarazioni di tutta la produzione dalla presentazione della serie tv.

- Pubblicità -

La conferenza stampa: le dichiarazioni di Gabriele Muccino

Gabriele Muccino: “l’ambizione di fare una serie che avesse lo stesso impianto e la stesso linguaggio narrativo di quello cinematografico, non ho voluto ammorbidire i dolori, gli spigoli, la sgradevolezza dell’essere, ho pensato ambiziosamente di portare il cinema in televisione. Si crea un’operazione empatica con i personaggi, viaggiamo insieme a loro, è un gioco di specchi. Interessante portarlo a un pubblico magari più giovane rispetto a quello che mi segue al cinema. Finita la prima stagione ho pensato a un regista che potesse sostituirmi ma poi…ho cambiato subito idea. Il rapporto con Barbara Petronio che mi ha aiutato a strutturare la serie non è stato subito semplice, ma io sono così.

Ho trovato un clima in cui ho avuto la massima libertà, io devo essere libero di seguire l’istinto, in America ho avuto più difficoltà in questo.

Girando A Casa Tutti Bene è nata l’idea di trasformarla in una serie ma mettere insieme il cast di quel film era impossibile per 16/17 settimane, ma ho voluto trovare dei personaggi che potessero riprendere quello stile. Molti hanno fatto lunghi provini, altri uno solo, è stata una lunga ricerca perchè dovevo trovare degli attori che si adattassero al racconto che avevo in mente, che riprendesse il film ma si allargasse ad altri aspetti (il cast sottoscrive tutto). In una serie hai il lusso del racconto.

Senza vanto, ho un’innata capacità di leadership. Con Russell Crowe, uno che litiga con tutti, dopo 7 giorni lui mi ha detto ‘ok facciamo questo film’ aveva capito che io guidavo ma amavo quel film. Cerco di provocare una reazione emotiva forte che porti gli attori a vivere le emozioni e non a simularle.

Sono molto selettivo nelle cose che guardo. Stiamo transitando in una nuova era, un po’ come il passaggio tra il muto e il sonoro, con una televisione alta rispetto al cinema, le cose stanno cambiando rapidamente ancor di più accelerata dalla pandemia. Tra i titoli Scene da Un Matrimoni, Escape at Dannemora, La Regina degli Scacchi, Succession ancora non l’ho visto.

La componente crime è stata voluta dagli sceneggiatori, l’ho accettata perchè mi ha sempre affascinato. Ti porta a entrare nel labirinto mentale di chi lo subisce o lo esercita, è quel black-out della ragione che avviene per motivi primordiali.”

Le altre dichiarazioni

Antonella D’Errico (Executive Vice Presidente Programming Sky Italia): “prima volta di un family drama per Sky, un genere tipico della serialità americana. Abbiamo iniziato a scrivere subito la seconda stagione. Un segno di quanto crediamo in questa serie”.

Raffaella Leone (Lotus): “con Sky abbiamo un rapporto in ambito cinema, siamo cresciuti insieme. Questo è un passo ulteriore. Desideravamo fare un prodotto che avesse un carattere cinematografico (passatemi il termine). Non ci sono limiti, quando ci sono, delle serie, è un prodotto internazionale perchè le dinamiche familiari sono ovunque”.

Sonia Rovai (responsabile dei contenuti Sky Original scripted): “per me è stato facile lavorare con Gabriele. Nonostante tutte le difficoltà dell’ultimo anno e mezzo, nonostante 18 attori nel main cast, i tempi stretti abbiamo iniziato a girare a marzo e siamo in onda a dicembre, non sempre in Italia succede, nonostante questo è stato di una facilità estrema. Quello che Gabriele ti dà è normalissimo restituirlo. BETA Film sta distribuendo la serie (già distribuisce Gomorra) e dopo l’uscita in Italia la venderà all’estero.”

Marco Belardi (Leone): “Gabriele Muccino prima di andare sul set ha tutte le scene in testa, ma poi magari va sul set e cambia, aggiusta.”

Barbara Petronio (sceneggiatrice): “dialogare e confrontarsi era la nostra parola d’ordine, nel primo incontro con Gabriele abbiamo fatto una discussione generale su cosa tenere, cosa voleva mettere, i personaggi. C’è stata una fluidità negli scambi. Abbiamo inserito degli elementi di novità che Muccino ha subito recepito. Più che ambizioni cinematografici io vorrei dire che ha ambizioni di alta televisione”

A Casa Tutti Bene – La Serie, la trama

Protagonista della serie A Casa Tutti Bene è la famiglia Ristuccia da 40 anni proprietaria del ristorante San Pietro, uno dei più rinomati locali della Capitale, in zona Gianicolo. Carlo, la nuova compagna Ginevra e la sorella Sara sono sempre lì, tutti i giorni, ad aiutare i genitori Pietro e Alba nella gestione dell’attività. Nel quadro familiare è da sempre assente Paolo andando in Francia per inseguire il sogno di lavorare nel mondo dello spettacolo. Ma adesso Paolo torna dai genitori, dopo un difficile divorzio, senza un soldo e con la speranza di crescere il figlio Giovanni di 11 anni.

Anche Carlo ha una figlia, Luna, una ex moglie, Elettra, e una compagna che mal tollera il suo passato sentimentale: Ginevra, mai davvero accettata dalla famiglia Ristuccia e vista come una rovina famiglie. E infine c’è Sara, sposata con Diego che però le è infedele. Un giorno, però, un avvenimento gravissimo e rimasto segreto per decenni torna a sconvolge gli equilibri familiari. I Mariani, un altro ramo della famiglia, reclamano un posto all’interno dell’attività, minacciando di far riemergere un terribile segreto dal passato dei Ristuccia che ancora oggi ha delle profonde conseguenze nelle vite dei nostri protagonisti.

Quando in onda

A Casa tutti bene arriva su Sky e NOW in streaming da lunedì 20 dicembre con doppio episodio su Sky Serie e On Demand.

- Pubblicità -