Amore Criminale la storia di stasera giovedì 24 marzo su Rai 3

amore criminale
- Pubblicità -

Amore Criminale la storia di giovedì 24 marzo su Rai 3, Veronica Pivetti racconta storie di femminicidio

Primo appuntamento con la nuova edizione di Amore Criminale e le storie di femminicidio raccontate con sapiente equilibrio da Veronica Pivetti. Giovedì 24 marzo 2022 su Rai 3 in prima serata la prima puntata anche in streaming su RaiPlay.

Costruite attraverso la docufiction con la voce narrante di Veronica Pivetti saranno raccontate storie che non vorremmo più sentire. Le immagini ricostruite si alterneranno testimonianze ai testimoni diretti e immagini di repertorio. Fin dal 2007, anno della prima messa in onda, il format ha uno scopo di denuncia sociale del tragico fenomeno del femminicidio. La redazione del programma accoglie le numerose richieste di aiuto che inviano le donne e le smista presso i vari Centri Antiviolenza situati in ogni regione italiana. Il programma prodotto da Palomar è realizzato con la collaborazione della Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri e con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La storia del 24 marzo

Giovedì 24 marzo ad Amore Criminale Veronica Pivetti racconta la storia di Giordana una ragazza di vent’anni che vive a Catania e fa la ballerina. Diventata mamma a 15 anni, ama tantissimo la figlia. Sta studiando per diventare insegnante di flamenco e le manca un esame per avere l’abilitazione.

Nel 2010 ha incontrato Luca quello che sarà il padre della figlia. Dopo 3 anni decide di lasciare Luca perchè geloso e possessivo, la controlla e la umilia per il suo aspetto fisico. Giordana incontra un altro ragazzo dopo aver superato un periodo di sconforto, si innamora e si sente finalmente amata. Il 6 ottobre 2015 Giordana viene uccisa.

Luca è tornato a seguirla e la raggiunge sotto casa del fidanzato. All’una di notte Luca la colpisce con 48 coltellate. Prova a scappare ma viene tradito da un messaggio al padre. Viene arrestato alla stazione centrale di Milano, condannato a trent’anni con sentenza definitiva. Nel 2021 il tribunale di Catania lo condanna anche per stalking e violazione di domicilio.

- Pubblicità -