Che Ci Faccio Qui riparte lunedì 22 marzo, le anticipazioni

Che Ci Faccio qui
- Pubblicità -

Che Ci Faccio Qui su Rai 3 con Domenico Iannacone in seconda serata, il tema della puntata di lunedì 22 marzo

Torna da lunedì 22 marzo alle 23:15 su Rai 3 in seconda serata il lunedì sera dopo PresaDiretta, Che Ci Faccio Qui il programma di Domenico Iannacone che racconta storie diverse, potenti che lasciano il segno, con la quarta e ultima stagione.

Queste nuove puntate, quattro in tutto, porteranno storie collettive e individuali in cui l’elemento del corpo ritorna continuamente, fragile e potente. I protagonisti di questa stagione sono visionari, uomini e donne che hanno deciso di andare controcorrente, sfidando le opinioni, i giudizi e i pregiudizi altrui. Persone che in solitudine, talvolta in ristrettezze, sono state capaci di tracciare nuovi sentieri, scovando la bellezza in luoghi nascosti e inaspettati. Le puntate sono in streaming su RaiPlay.

- Pubblicità -

Il tema della prima puntata 22 marzo

Il titolo della prima puntata di Che Ci Faccio Qui del 2021 si intitola Quello che Resta e racconta storie umane in questi tempi complicati, a partire dalla storia di un imprenditore che ha deciso di proteggere la natura e un regista indipendente che da sempre si prende cura di una piccola sala cinematografica.

“Quello che resta” intreccia le storie di due visionari che guardano il mondo con la stessa idea di resistenza civile. Da più di dieci anni Fiorenzo Caspon, imprenditore veneto di 70 anni, cerca di resistere compiendo qualcosa di eccezionale: acquista terreni che sottrae all’agricoltura intensiva e, a sue spese, pianta alberi secolari che sono stati sradicati.

Quarant’anni fa, a Roma, il regista e scrittore Silvano Agosti ha fondato il Cinema Azzurro Scipioni, un luogo in cui dà vita all’idea di un cinema indipendente, fuori dalle logiche del mercato hollywoodiano. In un periodo in cui le sale sono chiuse a causa della pandemia, questa piccola sala rischia ancor più delle altre: sull’Azzurro Scipioni pende infatti un’ingiunzione di sfratto. Che ne sarà di questo luogo e del patrimonio culturale che racchiude? Nel frattempo il cinema ha chiuso sperando di poter tornare.

- Pubblicità -