Come finisce Diavoli 2? La recensione del finale di stagione in vista della terza (e quarta)

Diavoli 2 come finisce
- Pubblicità -

Come Finisce Diavoli 2? Ci sarà la terza stagione della serie Sky con Alessandro Borghi e Patrick Dempsey?

La seconda stagione di Diavoli si è conclusa su Sky Atlantic e NOW in streaming e ora tutti gli episodi restano disponibili on demand per gli amanti dei cofanetti. Ma come è finita la seconda stagione di Diavoli? Naturalmente se state leggendo o siete curiosi o l’avete appena finita di vedere e cercate conforto. In ogni caso non abbiamo alcuna intenzione di mettere degli spoiler in bella vista, ma li trovate più avanti nel corpo del testo.

Quello che possiamo dire, anche perchè ampiamente anticipato, è che la seconda stagione di Diavoli finisce nel 2020, con la pandemia che entra prepotentemente nelle vite dei protagonisti. Un’aggiunta arrivata in corso d’opera visto che la realtà ha superato la finzione con lo scoppio della pandemia da Covid-19 mentre le riprese erano in corso, andando così ad aggiungere un altro elemento di attualità a quelli già raccontati: la Brexit, l’elezione di Trump.

Diavoli 3 si fa?

L’ufficialità ancora manca, ma nella conferenza stampa di presentazione della serie, sia Sonia Rovai di Sky che Luca Bernabei di Lux Vide (che produce) hanno parlato apertamente della terza stagione sia come auspicio che come concreta ipotesi. E il materiale per la terza stagione di Diavoli non manca, visto gli effetti della Guerra in Ucraina sull’economia mondiale. La serie, ispirata al romanzo di Guido Maria Brera, che a giugno debutterà con la seconda stagione anche negli USA su The CW, sembra poter aver un futuro roseo e andare avanti per diverse altre stagioni. Non resta che aspettare la conferma ufficiale.

Come finisce Diavoli 2?

Eccoci arrivati al momento fatidico. Se proseguite sappiate che potrete incappare in Spoiler, quindi fatelo a vostro rischio e pericolo. Nelle ultime due puntate di Diavoli come era facilmente immaginabile, succede di tutto e anche di più.

Ma partiamo con ordine. L’ultimo e ottavo episodio ci riporta all’inizio di questa stagione, a quella scena nella Milano deserta di Marzo 2020 in piena pandemia, con Dominic che in un bar ritrova Massimo. Sono passati 4 anni dalla settima stagione, quando Dominic ha consigliato Massimo di scappare perchè stava per farlo accusare di Insider Trading nel suo tentativo di evitare il passaggio in mani cinesi di una fabbrica. Quattro anni trascorsi in esilio in cui Massimo ha avuto modo di preparare un piano, con Wu ed Eleanor per ripulire il proprio nome, tornare dalla figlia e soprattutto allontanare la minaccia cinese.

Massimo ha previsto le conseguenze economiche della pandemia e ha preparato un piano per scalare la NYL, ma per farlo ha bisogno anche di Dominic, oltre che di Carolina e dell’aiuto di Oliver. Ma soprattutto è decisivo il supporto del gruppo di attivisti di cui fa parte Nadya. E Diavoli ha la capacità di trasformare una complicata acquisizione finanziaria con giochi speculativi e azioni che salgono e scendono, in un avvincente thriller sul filo della tensione (anche se considerando il tipo di serie il risultato era più che scontato).

Oliver Harris, che nel frattempo ha perso l'(ex) moglie per Covid, diventa il nuovo CEO della NYL, Eleanor prende la guida delle strategie sugli investimenti, Dominic ottiene un posto al Tredicesimo Piano (il gruppo di facoltosi controllori della finanza internazionale) e la Cina almeno per il momento è solo un lontano ricordo. Massimo riesce finalmente ad abbracciare la figlia mentre con Nadya pianifica un nuovo attacco ai mercati.

Un finale da thriller finanziario

Il finale di Diavoli conferma quanto avevamo già detto nella recensione dei primi episodi: la serie funziona, è un buon intrattenimento ma si mantiene a un livello di intrattenimento generalista, senza troppi guizzi, lineare nella gestione, nella struttura, nel suo incipit e nella sua conclusione. Non un difetto, non una critica, quanto più un dato di fatto. Un intrattenimento popolare e pop adatto a tutti per il pubblico “pay”. E chissà senza il Covid come sarebbe finito tutto, quale altro escamotage avrebbero usato. L’ultimo episodio appare un po’ forzato sia nell’inserimento del Covid, diventato necessario vista la voglia della serie di legarsi all’attualità, sia nella semplicità della risoluzione dei vari intrecci.

Ma l’equilibrio trovato dovrà essere nuovamente sciolto. Anche se è probabile che nella terza stagione venga introdotto un elemento esterno (magari l’oligarca russo che già vediamo alla fine della seconda stagione) come nemico comune di Massimo e Dominic, per evitare di vedere nuovamente disfare e ricreare il rapporto tra i due.

- Pubblicità -