Cronache Criminali su Rai 1, lunedì 21 novembre l’attacco razzista di Luca Traini

Cronache Criminali su Rai 1 il lunedì sera in seconda serata, il programma di cronaca nera condotto da Giancarlo De Cataldo. I delitti colpiscono il pubblico, alcuni anche più di altri, restano impressi nella memoria, il programma originale, coprodotto da Rai Approfondimento e Verve Media Company farà fare al pubblico un viaggio nel crimine. Nel corso delle puntate Giancarlo De Cataldo racconterà in Cronache Criminali su Rai 1, 11 casi di cronaca dagli anni ’60 a oggi che hanno segnato la storia d’Italia, tra casi più conosciuti come la morte di Pier Paolo Pasolini, a quello recente di Luca Traini.

Cronache Criminali su Rai 1 i casi raccontati

Cronache Criminali di Lunedì 21 novembre

Dallo studio virtuale di Cronache Criminali, lunedì 21 novembre 2022 Giancarlo De Cataldo racconta la storia di Luca Traini che nel 2018 ha compiuto una strage razzista a Macerata. Dicendo di voler vendicare la morte di Pamela Mastropietro uccisa dal nigeriano Innocent Oshegale nelle campagne di Macerata, nel 2018 ha sparato a nove persone ferendone sei. Una storia che ebbe un’ampia eco per la sua matrice razzista, perchè Traini in passato era stato candidato alle elezioni comunali, perchè la strage è avvenuta a pochi giorni dalle elezioni del 2018.

Le vittime di Traini per fortuna tutte vive, sono persone di colore. A bordo della sua Alfa 147 Traini spara contro negozi, bar, discoteche e contro la sede cittadina del Pd. L’azione xenofoba termina davanti al monumento ai Caduti dove si consegna ai carabinieri dopo aver fatto il saluto romano con la bandiera al collo gridando W L’Italia. Un’azione fascista che nulla ha a che fare con l’Italia. Traini viene condannato a 12 anni per strage aggravata dall’odio razziale e sostiene di non essere razzista ma che voleva sparare agli spacciatori “E gli spacciatori, a Macerata, sono tutti neri!”

Lunedì 14 novembre

Nella puntata di lunedì 14 novembre 2022 dallo studio virtuale di Croanche Criminali, Giancarlo De Cataldo racconta la storia dell’omicidio dei coniugi Maso. La coppia nel 1991 venne uccisa dal figlio Pietro e dai suoi complici. Il fatto è avvenuto a Montecchia di Crosara in provincia di Verona. L’omicidio ha avuto un grande clamore mediatico, soprattutto per i particolari raccapriccianti, per il carisma di Pietro Maso. Ma anche per quella provincia in cui i valori tradizionali erano stati sostituiti dal dio denaro.

De Cataldo ci riporterà agli anni ’90 e in quella provincia per comprenderne meglio i contorni, fotografandone la cornice sociale, di costume e politica, ma anche quella relazionale nella quale è maturata. Una storia televisiva sia per come e quanto è stata raccontata che per la natura di Pietro Maso. Il ragazzo era cresciuto nel mito di Don Johnson protagonista di Miami Vice, bello, ricco e di successo.

Nel documentario di Flavia Triggiani e Marina Loi è proprio Pietro Maso, in quella che ha dichiarato sarà la sua ultima intervista, a raccontare la sua gioventù priva di ideali e la sua rinascita in carcere grazie alla fede. Oggi è un uomo diverso che chiede di essere dimenticato per il suo passato drammatico e che, nel suo percorso di riqualificazione, ha deciso di dedicare la sua vita ad aiutare i carcerati a reinserirsi nella società.

In streaming

Le puntate di Cronache Criminali si possono recuperare in streaming su RaiPlay.

Redazione Dituttounpop
Redazione Dituttounpop
Siamo la redazione di dituttounpop... sembra un'entità indefinita, una cosa brutta, ma tranquilli è sempre un umano a scrivere questi articoli... o meglio più di uno di solito. Per questo usiamo questo account. Ci trovate anche sui social. Ciao.