Dear White People su Netflix l’ultima stagione diventa un musical anni ’90

Dear white people
DEAR WHITE PEOPLE LARA SOLANKI/NETFLIX © 2021
- Pubblicità -

Dear White People la quarta stagione su Netflix dal 22 settembre, un travolgente musical anni ’90 tra razzismo e reality show

Debutta oggi, mercoledì 22 settembre, su Netflix l’ultima stagione di Dear White People, la commedia satirica arrivata alla quarta stagione ambientata nel fittizio college di Winchester, in cui il razzismo dovrebbe essere superato ma è ancora latente. A circa due anni dalla precedente stagione, la serie conferma come la satira oggi come 2000 anni fa sia lo strumento migliore per affrontare i mali della società.

Fin dalle sue origini Dear White People ha colpito pregiudizi e limiti dei bianchi, mostrando come il razzismo non sia un elemento superato ma una parte integrante della società, anticipando tematiche che con il tempo sono diventate centrali nella società. La prima stagione era infatti legata alle conseguenze della reazione scomposta di una guardia dell’università che durante una festa puntò in una pistola in faccia a una ragazzo nero senza alcuna ragione apparente.

- Pubblicità -

Dear white People e la voglia di musical

La quarta stagione di Dear White People sorprende e si rinnova grazie all’idea di realizzare una stagione finale in salsa musical anni ’90, un evento musicale afro-futuristico che parte dal futuro per raccontare il passato e scoprire il modo per andare avanti. La stagione si apre in uno scenario del futuro in cui le pandemie sono all’ordine del giorno, le mascherine obbligatorie e il lockdown arrivano all’improvviso.

LARA SOLANKI/NETFLIX © 2021

Sam decide di ricontattare Lionel per realizzare un documentario sul loro ultimo anno di liceo, trasformando i ricordi della realizzazione del Varsity Show, uno spettacolo sempre realizzato da bianchi, tenuto in un edificio intitolato a uno schiavista, riportato nella cultura black, in un musical con riferimenti agli anni ’90. Il musical diventa così un modo per mettere i bianchi davanti alle proprie colpe, magari involontarie, rispetto alla cultura e al modo in cui vengono trattati i neri.

Al tempo stesso, però, Dear White People mostra le divisioni tra l’ala più oltranzista, decisa al boicottaggio di tutto quello che è bianco e appropriazione culturale, con quella più moderata decisa a entrare nelle istituzioni con la piuma piuttosto che con il grimaldello. E Sam, un tempo a capo di tutte le battaglie, si ritrova ora a esser accusata di far parte del problema e non di rappresentarne una soluzione.

Anche in questa stagione Dear White People non perde l’abitudine di inserire uno show nello show e questa volta a esser presi di mira sono i reality show in cui i neri sono per lo più delle bandierine di rappresentanza, oggetti di scena necessari in un mondo di bianchi. Tutti questi temi rilevanti nel dibattito pubblico, vengono trattati in Dear White People nell’alveo della commedia intelligente, confermando come la parola sia la più forte di tutte le armi. Il problema è se venga o meno compresa. Voto 7.5

Il trailer

Ecco il trailer in lingua originale

Il cast

  • Logan Browning: Samantha White
  • Brandon P. Bell: Troy Fairbanks
  • Antoinette Robertson: Coco Conners
  • DeRon Horton: Lionel Higgins
  • John Patrick Amedori: Gabe Mitchell
  • Marque Richardson: Reggie Green
  • Ashley Blaine Featherson: Joelle Brooks
- Pubblicità -