Fame d’amore riparte stasera lunedì 4 aprile 2022 su Rai 3

fame d'amore
- Pubblicità -

Fame d’amore su Rai 3 in seconda serata lunedì 4 aprile la prima puntata

Torna questa sera lunedì 4 aprile su Rai 3 in seconda serata alle 23:15 Fame d’Amore, un programma prodotto da Ballandi con Francesca Fialdini. Su Rai Play è possibile rivedere le puntate.

Un programma di Andrea Casadio scritto con Mariano Cirino e Stefania Colletta per affrontare il tema dei disturbi del comportamento alimentare, malattie che non colpiscono il singolo ma l’intera famiglia, la nostra società. In 4 nuove puntate Francesca Fialdini racconta casi di anoressia, bulimia, obesità. Il programma ha ottenuto il Premio Moige e il Premio Agnes. Inoltre la conduttrice è stata invitata insieme al Professor Leonardo Mendolicchio a portare la sua testimonianza al convegno sulle tematiche alimentari della Camera dei Deputati dello scorso dicembre. Un convegno da cui sono usciti importanti provvedimenti per aiutare le vittime di queste malattie.

Le storie del 4 aprile

Nella prima puntata questa sera lunedì 4 aprile alle 23:15 Fame d’Amore racconta la storia di Hanen, giovane madre tunisina che soffre di disturbi alimentari. L’altra storia è quella di Anna Chiara, una ragazza di Napoli vittima di bullismo. Anna sfoga tutto il suo malessere nel cibo e che per questo è diventata obesa. Si ritroverà poi Alberto che, tra cadute e risalite, lotta ancora per stare bene.

Fame d’amore e i disturbi alimentari

Fame d’amore riesce a raccontare con empatia e delicatezza, ma anche con una rigorosa analisi scientifica, un fenomeno diffuso, un disagio per l’ossessione per l’immagine e per il corpo di tanti giovani e che si esprime attraverso il cibo. Si tratta di un fenomeno subdolo, che coinvolge milioni di persone aggravato a causa della pandemia e dell’isolamento sociale che sta subendo la “generazione Covid”.

Il programma racconta le storie di ragazze e ragazzi che lottano per uscire dal loro “tunnel” fatto di angosce, paure, speranze. Entrando in profondità in quel che succede nelle famiglie dei giovani che si ammalano di questo disturbo e immergendosi di persona nella vita dei ragazzi e delle equipe di due strutture d’avanguardia.

In questa edizione verrà dato spazio anche alla fase successiva, all’uscita dalle comunità, ai genitori che vivono il dramma familiare. Un racconto corale nato per dare voce a storie di sofferenza e rinascita, dove gli ingredienti fondamentali per la cura sono sì il cibo, ma soprattutto l’amore.

- Pubblicità -