Fire Island e l’accettazione radicale dei buoni sentimenti – La recensione

Fire Island
090821_DAY20_00153.ARW
- Pubblicità -

Fire Island trama cast e trailer del film su Disney+ dal 17 giugno 2022

Fire Island è un film romantico del 2022 di produzione statunitense. É diretto da Andrew Ahn. La sceneggiatura è di Joel Kim Booster, che ne interpreta anche il protagonista, Noah. Si tratta di un riadattamento libero da un romanzo immortale, Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen.

Prodotto da Jax Media, il film negli Stati Uniti è stato rilasciato su Hulu il 3 giugno. Dal 17 giugno è invece disponibile su Disney+. Nonostante si tratti dell’ennesimo rifacimento, è un esempio brillante di utilizzo dei materiali, con cui riesce a creare qualcosa di interessante e d’intrattenimento.

Fire Island, la trama

Un gruppo di amici eterogeneo ma molto unito decide di partire per una settimana di vacanza a Fire Island, famosissimo villaggio LGBT a sud di Long Island. Il film, diviso in capitoli, uno per ogni giorno della settimana, segue le loro avventure.

Il primo giorno, il gruppo si riunisce con l’amica di sempre, Erin. Erin rivela che deve vendere la casa di Fire Island per necessità economiche, e che dunque quella sarà l’ultima settimana che passeranno in vacanza tutti insieme. La sera stessa gli amici si recheranno al Blue Whale, famoso bar del posto, per celebrare la loro vacanza. Lì conosceranno Charlie e i suoi ricchi ricchi amici.

Le dinamiche interne ai due gruppi si complicano, e quando è l’ora del super party in underwear a Cherry Grove, la tensione è alle stelle. Quello che ne uscirà sarà una lezione di vita, di comprensione dell’altro, di empatia, in uno scambio di esperienze arricchente e significativo.

Il nuovo e il vecchio – La recensione

Noah, moderna Lizzie Bennet, pensa di sapere tutto. Sa come va la vita, le relazioni, inquadra le persone in un secondo e le giudica di conseguenza. La sua vita, non facile ma sempre allegra, dove la vulnerabilità è bandita e si esiste in posizione di difesa, gli ha insegnato questo. Non molto viene detto del suo passato, ma da giovane uomo asiatico e omosessuale non deve essere stato facile. Quello che sappiamo è che non è ricco, che si arrangia come può, che non crede nel romanticismo e che la sua unica famiglia sono i suoi amici.

Per questo, quando arriva a Fire Island deciso a sistemare l’amico di sempre Howie, categorizza le loro nuove conoscenze in buone o cattive e non si pone troppe domande. In sei giorni, la sua visione del mondo verrà sballottata e rimescolata, e ne uscirà cresciuto, stupito, commosso, forse pronto a credere di nuovo nella vita.

La cosa più bella di questo film è l’atmosfera di accettazione radicale che vi si respira. Questi ragazzi hanno mille incertezze, interne ed esterne. L’unica cosa che non viene mai messa in dubbio è il loro esserci l’uno per l’altro. Costantemente. Ogni volta che uno di loro ha un momento di difficoltà, che sia un’iPhone annegato, un cuore spezzato o una violazione del consenso che scaturisce in una brutta storia di revenge porn, gli altri membri del gruppo sono sempre attorno a lui, rifugio e copertina di Linus. É il topos della found family, vecchio come il cucco ma non per questo meno edificante.

Importante anche la modalità di utilizzo del materiale originale. Questo film è un retelling contemporaneo di Orgoglio e Pregiudizio molto consapevole e abile. Nello stratificarsi di citazioni si intrecciano il romanzo e i suoi precedenti adattamenti cinematografici, primo fra tutti il film del 2005, ma anche un divertito e divertente sguinzagliamento di stilemi e schemi tipici della commedia romantica. É un piacere da guardare, e ricorda un po’ quello che Clueless fu per Emma, altro romanzo di Jane Austen.

La morale è sempre la stessa, ma con un leggero twitch di ambientazione. Ai problemi economici, di sicurezza relazionale, di incertezza endemica del periodo storico, si intrecciano quelli razziali e di identità di orientamento sessuale. Nulla, però, è trattato con pietismo o con retorica. Da vedere. 

Il trailer in italiano

Il cast

  • Joel Kim Booster è Noah
  • Bowen Yang è Howie
  • Conrad Ricamora è Will
  • James Scully è Charlie
  • Margaret Cho è Erin
  • Matt Rogers è Luke
  • Tomás Matos è Keegan
  • Torian Miller è Max
  • Nick Adams è Cooper
  • Zane Phillips è Dex
  • Michael Graceffa è Rhys
  • Aidan Wharton è Braden
  • Peter Smith è Moses
  • Bradley Gibson è Johnny
- Pubblicità -
PANORAMICA RECENSIONE
Priscilla Lucifora
8
Siciliana a Milano. Classe 1994. Formazione umanistica e una grande fascinazione per moda, cultura pop e costume. Il mio film preferito è Matrix. Grande fan di tutto ciò che è contemporaneo.
fire-island-recensione-film-disney-plusFire Island film romantico Disney plus. Trama cast trailer in italiano. Recensione, punti deboli e punti di forza, commento, voto