Home CINEMA Hollywood Stargirl, il sequel per ragazzi che fa bene agli adulti –...

Hollywood Stargirl, il sequel per ragazzi che fa bene agli adulti – Recensione

Hollywood Stargirl Disney +
© 2022 Disney Enterprises, Inc. All Rights Reserved.

Hollywood Stargirl, recensione del film per ragazzi su Disney+ dal 3 giugno 2022

Hollywood Stargirl è il sequel targato Disney+ (scritto e diretto da Julia Hart) del film del 2019 intitolato semplicemente Stargirl. Se il primo film di questo franchise affrontava l’accettazione della propria diversità e della propria unicità, questa seconda pellicola va più a fondo nella personalità di Susan “Stargirl” Caraway, e indaga sui suoi sogni, sul suo rapporto con la madre e sul suo bisogno estremo, e comprensibile per una ragazzina della sua età, di mettere radici da qualche parte, di trovare le “sue persone”.

Disponibile dal 3 giugno su Disney+, questo film è un bell’esempio di pellicola per ragazzi che fa bene anche agli adulti. Pur tenendosi ben strette le superficialità e le limitazioni del genere, riesce ad essere balsamico ed edificante, e non è poco. Nella nostra scheda dedicata trovate tutte le informazioni utili sul film Hollywood Stargirl.

Uno scontro generazionale

Stargirl, per l’ennesima volta nella sua vita, viene costretta a cambiare città, casa e vita. Tutti i suoi averi sono negli scatoloni, e queste case temporanee solo raramente riescono ad assomigliare a case reali. La madre tende a fuggire dai problemi, sempre alla ricerca di un luogo nuovo con la speranza che le cose si sistemino da sole. Stargirl non è d’accordo. In poche settimane a Los Angeles, l’estate prima che inizi il suo ultimo anno di scuola superiore, per la prima volta nella sua giovane vita sente che quello è il posto giusto per lei, e che le persone che ha conosciuto e che la circondano sono speranzose e piene di iniziativa come lei, e mai una volta la fanno sentire in colpa per il suo strano nome, per il modo in cui si veste, in cui canta, in cui si muove quasi ballando attraverso la vita. Non mancano i personaggi un po’ burberi, ma nulla che un po’ di bonaria gentilezza insistente e un grosso sorriso non possa guarire.

Mentre quasi tutti gli adulti della sua vita portano con sé ferite del passato, delusioni lavorative, speranze infrante che come una zavorra impediscono loro di affrontare la vita con impeto e iniziativa, Stargirl insegna ai grandi che nella vita bisogna sempre darsi una possibilità reale, anche mille volte di fila. Che chiudersi non serve a niente, e che non è mai troppo tardi.

- Pubblicità -

Hollywood Stargirl la recensione – Le conclusioni

Hollywood Stargirl, in conclusione, è un film per ragazzi con tutte le problematiche di un film per ragazzi ma, tenendo ciò sempre a mente, e considerando che non siamo noi il target, porta con sé un messaggio prezioso. L’attrice protagonista, Grace Avery VanderWaal (classe 2004) inoltre, sembra fatta apposta per il ruolo, ed è dotata di una bellezza particolare e magnetica che la scelta dei costumi sottolinea con una certa grazia e delicatezza.