Il Provinciale la puntata di sabato 26 e domenica 27 novembre sul monte Amiata

Il viaggio de Il Provinciale porta Federico Quaranta in giro per l’Italia alla scoperta di luoghi nascosti, delle bellezze della natura e della storia del nostro paese. L’appuntamento con Il Provinciale è doppio: infatti il programma è in onda il sabato alle 11:25 su Rai 1 e la domenica con contenuti extra alle 14:00 su Rai 2. La puntata del sabato dura 30 minuti circa. Il Provinciale è un programma di Giuseppe Bosin, Andrea Caterini, Francesco Lucibello, Domenico Nucera e Federico Quaranta.

Il provinciale la tappa di sabato 26 e domenica 27 novembre

La nuova puntata de Il Provinciale ci porta sul Monte Amiata in Toscana tra la provincia di Siena e Grosseto, un monte che è anche parte dell’Umbria e del Lazio. L’appuntamento con Federico Quaranta è sabato alle 11:25 e domenica alle 14 con alcuni contenuti extra. Il monte Amiata è un vero e proprio unicum che ricorda a tratti il Fuji. Federico sarà sulla vetta del massiccio montuoso che è il Monte Labbro, nel cuore della Riserva Naturale e del Parco Faunistico dell’Amiata, attraversa boschi, sentieri e faggete, superando colline e scendendo nelle gallerie delle antiche miniere di mercurio amantino, in un viaggio che ha veramente del mistico.

Si racconterà la storia di  una giovane donna paraguyana, Rossana Suh, che ha scelto di fissare qui le proprie radici. E poi sarà nella campagna grossetana dove incontra Francesco Monaci, un giovane agricoltore amiantino con cui partecipa alla tradizionale raccolta novembrina delle olive. L’esperta zoologa Mia Caterini ci racconta una tipica specie faunistica locale, l’asino crociato amiantino, e visita un piccolo caseificio, occasione per ricordare la presenza delle capre camosciate delle Alpi anche sull’Amiata.

In streaming

L’appuntamento con Il Provinciale è in streaming su RaiPlay dove le puntate resteranno on demand.

Redazione Dituttounpop
Redazione Dituttounpop
Siamo la redazione di dituttounpop... sembra un'entità indefinita, una cosa brutta, ma tranquilli è sempre un umano a scrivere questi articoli... o meglio più di uno di solito. Per questo usiamo questo account. Ci trovate anche sui social. Ciao.