Intervista a Massimo Di Cataldo: “Dal profondo è un discorso sui sentimenti”

Intervista a Massimo Di Cataldo. Il cantautore ci ha parlato del suo ultimo album “Dal profondo”, della situazione della musica in generale, dei talent e di Sanremo

Dopo le fortunate partecipazioni a Ora o mai più e Tale Quale Show, Massimo di Cataldo è tornato con il suo ottavo album di inediti, a distanza di quasi 10 anni dal precedente e il secondo con la sua etichetta, dal titolo Dal profondo.


“10 canzoni legate da una sorta di discorso sui sentimenti: dalla prima canzone “Non ti accorgi” dove si parla di una sorta inverno emozionale che non vuole passare mai, attraverso le altre canzoni si arriva a un momento catartico, al disgelo – così Massimo commenta l’album, aggiungendo – “Si arriva fino a “Continuerà”: che parlerà di nuove primavere, vivere per raccontarle.”

Un disco sicuramente intimo e riflessivo quello cantato da Massimo, dove il tema principale sono i sentimenti e l’amore“Il fulcro di questo album è “Perché l’amore”, è una domanda che può avere tante spiegazioni e tante ne lascia aperte, perché può essere tante cose. […] È una domanda che lascia spazio a diverse interpretazioni.”

In occasione del nostro incontro con Di Cataldo, non abbiamo parlato solo del suo album ma ci siamo fatti raccontare anche la sua visione – e come è cambiata secondo lui – la musica italiana nel corso degli anni: “Adesso si suona un po’ meno, più semplice e con meno struttura. […] La musica è anche rivoluzione, quindi ben venga la trap, le situazioni musicale autentiche che nascono in maniera semplice ma con un linguaggio che i ragazzi sentono proprio.”

Di seguito l’intervista integrale con Massimo Di Cataldo, dove ci ha parlato dell’album, della situazione della musica in generale, dei talent e di Sanremo.