Io Ricordo Piazza Fontana, su Rai 1 giovedì 12 dicembre il docu-film sulla strage

Ascolti Tv giovedì 12 dicembre

Io Ricordo Piazza Fontana a 50 anni dalla strage tutti gli appuntamenti Rai

Sono passati 50 anni dalla strage di Piazza Fontana a Milano, un tragico evento che ha scosso e cambiato l’Italia. Per ricordarlo la Rai scende in campo con una serie di appuntamenti tra cui spicca su Rai 1 giovedì 12 dicembre il docu-film Io Ricordo Piazza Fontana.


Io Ricordo Piazza Fontana segue l’appuntamento della scorsa settimana dedicato a Nilde Iotti e prosegue la contaminazione tra fiction e realtà della storia recente del nostro paese. Il docu-film di Rai Fiction e Aurora Tv con la regia di Francesco Micchichè alterna infatti immagini d’epoca con la ricostruzione di finzione.

Piazza Fontana – La strage 50 anni dopo

Cinquant’anni di dolore, di ricerca della verità, di depistaggi, di processi senza colpevoli. Cinquant’anni dalla bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana a Milano: 17 morti e 88 feriti, il 12 dicembre 1969.

Il racconto di Io Ricordo Piazza Fontana segue il filo della memoria di Francesca Dendena,interpretata da Giovanna Mezzogiorno, figlia allora diciassettenne di Pietro, una delle vittime della strage: “Quel giorno – ricorda – era stato a Crema, a un funerale, era in ritardo e si era seduto per ultimo al tavolo ovale sotto il quale era nascosta la valigetta con la bomba”.

È lei, che è stata anche presidente dell’Associazione dei Familiari delle Vittime di Piazza Fontana e che è scomparsa nel 2010, a ripercorrere le tappe giudiziarie, e non solo, della storia che prende vita nelle immagini della docu-fiction: il giorno dei funerali, la prima pista investigativa – quella anarchica – i processi spostati a Catanzaro e a Bari, i viaggi, le speranze, gli appelli.

Fino all’ultimo dolore e all’ultima beffa: la sentenza definitiva della Corte di Cassazione nel 2005 che attribuisce la strage al gruppo eversivo neofascista di Ordine Nuovo, ma dichiara non punibili i responsabili, Freda e Ventura, in quanto già definitivamente assolti anni prima. E le parti civili devono pagare le spese processuali.

Attraverso le immagini di repertorio, i ricordi di Francesca e le interviste ai protagonisti – tra passato e presente – rivivono anche i legami umani che da cinquant’anni uniscono in modo indissolubile i familiari delle vittime, la loro solidarietà, la diffidenza verso le istituzioni, la ricerca – ostinata – della verità. Tra loro, Carlo Arnoldi, Pietro Chiesa, Matteo Dendena, Paolo Dendena, Paolo Silva.

E ci sono le testimonianze di quanti hanno incrociato la storia della strage di piazza Fontana come il magistrato Guido Salvini che ha caparbiamente continuato a cercare la verità, riaprendo l’inchiesta; l’avvocato Federico Sinicato, uno dei legali di parte civile; il Prefetto Achille Serra, allora vicecommissario che intervenne per primo dopo la strage; e Martino Siciliano, esponente di Ordine Nuovo legato a Freda e Ventura. E ancora, Bruno Vespa, Giampiero Mughini, lo storico Aldo Giannuli, e Fortunato Zinni, impiegato della Banca sopravvissuto allo scoppio della bomba.

Il cast

Giovanna Mezzogiorno/Nicole Fornaro è Francesca Dendena
Anna Ferruzzo è Luigia Dendena
Simone Gandolfo è Mauro
Lorenzo Cervasio è Bruno Chiesa
e poi Claudia Vismara, Francesco Siciliano, Anna Maria De Luca, Alberto Basaluzzo

Gli altri appuntamenti della Rai su Piazza Fontana

Non solo il docu-film in prima serata, giovedì 12 dicembre le reti Rai ricorderanno la strage con tanti appuntamenti nei suoi diversi programmi da Uno Mattina a La Vita in diretta, oltre e che con la diretta di “Milano: 50° anniversario della Strage di Piazza Fontana” alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, – a cura del Tg 1 (dalle 14.00 alle 15.30). A chiude la giornata Bruno Vespa e il suo Porta a Porta. In contemporanea su Rai 2 alle 23:30 il film Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana che sarà trasmesso anche da Rai Movie alle 19:10, che alle 23:30 propone il documentario “Colpiti al cuore – Cinema e lotta armata” . Terza serata dedicata da Rai Premium con la rubrica “Blu Notte 7: La strage di Piazza Fontana” che vede Carlo Lucarelli investigare su una vicenda da non dimenticare.

Su Rai3, alle 13.15 (e in replica alle 20.30 su Rai Storia), Paolo Mieli e il professor Guido Panvini ricostruiscono quel giorno a “Passato e Presente” e, alle 15.20, “Grande Storia Anniversari” racconta “Piazza Fontana. La prima strage” di Vanessa Roghi. La puntata ricostruisce il contesto politico di quegli anni segnato dalla cosiddetta “guerra fredda” e dalle tensioni sociali presenti nel Paese. In questo contesto si inserisce l’azione di alcuni gruppi neo-fascisti che, tramite una serie di attentati e con la copertura di settori deviati dei servizi segreti italiani, mettono in atto una strategia tesa a provocare una svolta autoritaria nel Paese.

Rai Cultura partecipa alla “staffetta” con numerosi programmi di Rai Storia come “Il giorno e la storia” (ore 00.10 e in replica alle 5.30, 8.30, 11.30, 14.00 e alle 20.10), “Radiocorriere Tv – Piazza Fontana” (alle 12.00 e alle 19.00), un racconto attraverso la programmazione televisiva di quei giorni; “Passato e Presente. La strage di Piazza Fontana” alle 20.30 su Rai Storia; e “Diario di un cronista – Quelli che perdono” (ore 23.00).
Il Portale Rai Cultura, inoltre, presenta uno Speciale con la ricostruzione degli eventi attraverso la riproposizione dei telegiornali dell’epoca, dell’intervento televisivo dell’allora Presidente del Consiglio dei Ministri Mariano Rumor e una galleria fotografica. Venerdì 13 dicembre su Rai3, infine, puntata dedicata di Fuori Orario cose (mai) viste (dalle 1.10 alle 6.00) con “12/12/1969, Anno XXIV dell’era democratica: il Re e’ nudo”, a cura di Fulvio Baglivi.

Coinvolte naturalmente tutte le testate, i Tg e Rai News 24 oltre che la Radio.