Dituttounpop > TV > Karate-Do su Rakuten Tv il documentario sulla storia della campionessa Sandra Sanchez

Karate-Do su Rakuten Tv il documentario sulla storia della campionessa Sandra Sanchez

Arriva su Rakuten Tv Karate-do: Il Cammino di Sandra Sánchez, documentario che illustra la storia di crescita della campionessa olimpica di karate. Un film documentario emozionante che sarà disponibile sulla piattaforma dal 21 settembre in 42 Paesi e sarà presentato a Madrid il 19 settembre e uscirà anche in alcuni cinema spagnoli. L’appuntamento è dal 21 settembre su Rakuten Tv.

Karate Do Il cammino di Sandra Sanchez la storia

Il documentario Karate Do Il Cammino di Sandra Sanchez racconta il viaggio di Sandra Sánchez e di come sia riuscita a superare ogni ostacolo. Dopo un lungo e combattuto passaggio alla squadra nazionale, ha dovuto lasciare il prestigioso High-Performance Centre per stare vicino alla madre, a cui era stato diagnosticato un cancro. In quel periodo, però, le paure e i dubbi sulle sue capacità l’hanno sopraffatta ed ha affermato di aver toccato il fondo.

In quei momenti difficili, ha deciso di lasciarsi tutto alle spalle a Madrid per iniziare un nuovo viaggio in Australia. Il ritorno a casa di Sandra risveglia il suo amore per il karate e il suo ardente desiderio di diventare la campionessa spagnola di karate. Con una perseveranza incrollabile, trova un allenatore di prim’ordine, Jesús del Moral, che in seguito diventerà suo marito. Le vittorie si susseguono, una dopo l’altra, alimentando la sua instancabile determinazione. L’amore comune per il karate rafforza il loro legame e li spinge a raggiungere insieme la grandezza.

Nel corso del documentario il pubblico visiterà una molteplicità di luoghi che hanno un significato nella carriera di Sandra. Da Talavera de la Reina, dove è cresciuta e ha praticato per la prima volta il karate, a Dubai, dove ha vinto il suo ultimo campionato mondiale, con un’attenzione particolare a tutti gli insegnamenti tratti dai suoi soggiorni in Giappone, patria del karate. Naturalmente, uno dei momenti chiave del documentario sono i retroscena della sua vittoria olimpica a Tokyo 2020.

Le testimonianze

Le diverse testimonianze e interviste giocano un ruolo molto importante nel film. Sandra stessa racconta con le sue parole come è diventata un’atleta stimata nello sport spagnolo, oltre alle interviste dei suoi amici più cari e della sua famiglia:

  • Jesús del Moral – Allenatore e marito di Sandra. Parla della carriera di Sandra come suo allenatore, con un approccio professionale ma anche come suo compagno, con un tono molto più emotivo mentre parla del suo rapporto con Sandra.
  • Javier Pineño – Il suo maestro di karate. Il suo istruttore da quando aveva 6 anni. Ha sempre saputo trasmettere a Sandra il suo amore per il karate, i suoi valori attraverso il suo esempio e il legame tra tradizione e sport.
  • Serafin e Isabel – I genitori di Sandra.
  • Paco Sánchez – Il fratello di Sandra. È stato il primo membro della famiglia a imparare il Karate ed è stato lui a condividere con Sandra l’amore e la devozione per quest’arte.
  • Shimizu – La sua più grande rivale e amica. Conosce Sandra dentro e fuori dal tatami. Il rapporto tra le due atlete durante il documentario è un esempio di rivalità amichevole.
  • Rika Usami – L’ispirazione di Sandra. La karateka che ha rivoluzionato questo sport ed è stata campionessa mondiale nel 2012 condivide un rapporto stretto con Sandra.
  • Okamura Master– Maestro di Rika Usami e punto di riferimento nel mondo del karate. Nel dojo di Okamura, Sandra ha imparato a perdere, a cadere e a rialzarsi. Il suo ruolo è statofondamentale perché Sandra raggiungesse il suo primo campionato del mondo e poi l’oro olimpico.
  • Ivan Leal – Il due volte campione del mondo è stato un riferimento costante durante la
    giovinezza di Sandra e nel suo percorso verso la vittoria.
  • Eleonora Giovio e Almudena Rivera – Due giornaliste sportive spagnole che contestualizzano la storia di Sandra, i suoi successi sportivi e il suo impatto sul mondo dello sport e del karate.